Covid, uomo positivo 37 giorni dopo il vaccino Pfizer: svelato il motivo

Un uomo è risultato positivo al coronavirus dopo aver fatto il vaccino Pfizer: la scoperta 37 giorni dopo la seconda dose.

Uomo Positivo 37 Giorni Dopo Vaccino Pfizer
Logo dell’azienda Pfizer, produttrice del vaccino (Getty Images)

Il problema più urgente da risolvere, collegato alla pandemia da coronavirus, è sicuramente quello legato alle varianti del Covid. Delle “novità”, che ora non lo sono nemmeno più di tanto, che hanno fatto sì la messa in campo di nuove e totali restrizioni. Gli ospedale sono pieni, le terapie intensive intasate, il problema, ancora una volta, è nelle varianti.

Ma delle varianti si aspettava anche un qualche tipo di riscontro dopo le prime somministrazioni di dosi del vaccino. Se AstraZeneca è entrata nel caos più totale, con vari e diversi interventi da parte di virologi, per il vaccino a marca Pfizer le cose sono andate nel verso giusto. Se non che nelle ultime ore, con al centro del dibattito un operatore sanitario operante nella sanità privata campana.

Quest’ultimo, nel mese di gennaio, prima il 10 e poi il 31, aveva ricevuto le due dosi del vaccino Pfizer. Ora, dopo ben 37 giorni, da un contagio partito da uno dei due figli, è risultato nuovamente positivo al coronavirus.

LEGGI ANCHE >>> Morto uomo di 62 anni: si era vaccinato con Pfizer. La ricostruzione

L’uomo positivo al Covid: 37 giorno dopo il vaccino Pfizer, causa variante inglese

Uomo Positivo 37 Giorni Dopo Vaccino Pfizer
Una dose del vaccino Pfizer (Getty Images)

Si chiama Daniele Madelfini, l’uomo di 32 anni che ha contratto nuovamente il coronavirus dopo 37 giorni dall’assunzione dell’ultima dose di vaccino Pfizer. In casa, uno dei due figli è stato da prima infettato, poi lo ha passato all’intera famiglia. Lui, operatore sanitario nella sanità privata campana, aveva portato a termine anche il richiamo dello stesso vaccino.

Niente da fa. Il coronavirus, con tanto di varianti all’attivo, riesce, a volte, a dribblare anche il vaccino e attaccare lo stesso. Infatti, dopo i primi test effettuato dall’Asl di Napoli, Daniele è risultato essere positivo alla variante inglese, come d’altronde il resto della famiglia.

Lo stesso Daniele ha dichiarato: “Ci hanno comunicato, dai vari test effettuati, che la nuova positività era legata alla variante inglese. Purtroppo capita che il virus riesca in qualche modo a dribblare il vaccino e attaccare con queste varianti. Posso dire, però, di aver avuto solo un fastidioso raffreddore, niente di più”.