Covid: in cento dentro al bar, all’improvviso spunta una motosega

Pazzesco quando avvenuto in un bar, dove le forze dell’ordine hanno sorpreso un centinaio di clienti senza mascherine e non a distanza di sicurezza. Uno di loro minaccia un carabiniere con una motosega.

barista cliente
Bar – Getty Images

In Sardegna si stanno godendo le ultime ore in zona bianca. La Regione da domani tornerà in zona arancione dopo due settimane in cui i cittadini hanno potuto godersi maggiori libertà. Bar e ristoranti aperti anche la sera, coprifuoco ritardato e negozi aperti sono state solamente alcune delle concessioni che hanno avuto vigore nelle ultime due settimane sull’isola. Domani, in virtù di una nuova risalita della curva dei contagi, ci sarà un inasprimento delle norme anti Covid, con tutte le limitazioni del caso.

Forse proprio per approfittare delle ultime ore in zona bianca in provincia di Cagliari sono andati decisamente oltre. In un bar, che avrebbe potuto contenere appena una ventina di persone, si sono accalcati circa cento clienti; la maggior parte dei quali senza mascherina e in barba al rispetto del distanziamento sociale. Le forze dell’ordine non hanno potuto fare finta di niente, ma sono i carabinieri sono intervenuti la situazione è decisamente sfuggita di mano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Covid, le regioni che cambiano colore

Assembramento anti Covid al bar, il carabiniere rischia grosso

Il tutto è avvenuto in un bar di Villamar, un paesino in provincia di Cagliari, dove i carabinieri si sono ritrovati davanti a una scena assurda. Un centinaio di clienti erano ammassati dentro il piccolo locale, ben oltre la propria capacità massima, e quando le forze dell’ordine sono entrate la situazione è sfuggita di mano. Uno dei presenti infatti ha imbracciato una motosega, minacciando i militari.

indagini Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

Tanto lo spavento ma fortunatamente nessun ferito, l’agricoltore con la motosega è stato identificato e denunciato, mentre il titolare del bar è stato costretto a pagare 400 euro di multa e a chiudere per i canonici cinque giorni.