Denise Pipitone, nuova rivelazione sul DNA: la verità sulla parentela

Denise Pipitone e le nuove rivelazioni sul DNA: la verità sulla parentela della ragazza, tra le speranze italiane e quelle della famiglia russa

Ricostruzione della somiglianza tra Olesya e Denise Pipitone
Ricostruzione della somiglianza tra Olesya e Denise Pipitone (Screenshot video)

Il caso relativo a Denis Pipitone si è riacceso dopo oltre 14 anni. L’appello di una ragazza russa, Olesya che ha svelato di essere stata rapita quand’era piccolissima, ha creato nuove speranze nella famiglia siciliana di Mazara del Vallo. I genitori della piccola Denise non hanno mai perso le speranze di ritrovarla viva ed ora si spera davvero che che la ragazza possa essere proprio lei.

D’altronde la somiglianza tra Olesya e Piera Maggio è davvero incredibile tanto che la stessa donna si è detta “Cautamente speranzosa“. Il racconto della ragazza russa ha lasciato tutti sconvolti e si è già al lavoro per scoprire la verità sul caso e chiarire definitivamente se la ragazza sia Denise.

Alla ragazza è già stato prelevato un campione di Dna, anche perché una famiglia russa, ascoltata la testimonianza in tv di Olesya, ha rivendicato la paternità della donna. Questa, proprio come quella di Mazara del Vallo, ha visto il rapimento della loro figlia ben 15 anni fa e sono alla ricerca.

LEGGI ANCHE >>> Denise Pipitone, nuovo colpo di scena: il giorno decisivo e come si saprà la notizia – VIDEO

Denise Pipitone: la compatibilità del DNA

Denise Pipitone
Denise Pipitone, il corrispondente Ansa a Mosca (screen Mediaset)

Le prime risposte sul Dna sono, però, già arrivate. Attraverso i primi esami con la famiglia russa, è stato escluso che Olesya sia la loro figlia naturale. C’è incompatibilità, quindi, ed è certo una buona notizia per la famiglia di Mazara del Vallo che può ancora sperare nel riabbracciare la ragazza scomparsa nel 2014.

Dall’Italia si può ancora sperare” le parole del corrispondente dell’Ansa. Già, ma quando arriveranno i responsi sull’esito della compatibilità del Dna? Bisognerà ancora aspettare qualche giorno, ma sembra che lunedì possa essere il giorno giusto.

Giorni di attesa, quindi, per la famiglia di Mazara del Vallo che non ha mai smesso di cercare la loro figlia, tra avvistamenti, casi sospetti e somiglianze nel corso degli anni fin qui solo senza esito. Aperto, nel corso degli anni, anche un sito internet per raccogliere testimonianze e segnalazioni.