Sparatoria in un’azienda di mobili, arrestato il killer: bilancio drammatico

Un’altra sparatoria, questa volta in un’azienda di mobili, tramutatasi subito in una strage: il bilancio è davvero drammatico. Il killer arrestato.

Usa Sparatoria Texas Azienda Mobili
Immagini di una sparatoria in USA (fonte: Twitter)

Prima o poi arriverà il giorno in cui dovremmo togliere le armi di mezzo. Quel giorno, però, sembra ancora molto lontano. C’è chi lo definisce utopistico, chi non realizzabile, intanto il mondo continua a “crollare” sotto i colpi di arma da fuoco. Delle vere e proprie stragi che possono essere benissimo eliminate una volta per tutte.

Ci spostiamo ancora una volta, per l’ennesima volta, negli USA, esattamente in Texas, dove in un’azienda di mobili è andata in scena l’ennesima sparatoria compiutasi negli Stati Uniti d’America. Un altro massacro, con un morto e cinque persone ferite gravemente.

Il killer si è dato alla fuga subito dopo la sparatoria ed è stato poi arrestato. Da quanto riportano le prime indagini è un componente, o meglio dipendente, della stessa azienda. Un’ira che si è trasformata in un bagno di sangue, l’ennesimo, inaccettabile massacro per via delle armi vendute come birilli.

LEGGI ANCHE >>> Usa, entra in un supermercato e fa una strage: il bilancio della sparatoria

La sparatoria nell’azienda dei mobili dopo le parole di Joe Biden

Sparatoria Texas Azienda Mobili Biden
Il presidente degli Usa Joe Biden (Getty Images)

Prima delle sparatoria, l’ennesima soprattutto nello Stato del Texas, era intervenuto il Presidente americano Joe Biden, affermando che è vergognoso tutto ciò che accade in terra USA nei confronti del mondo che sta a guardare.

Quello che vuole è attuare un piano per ridurre la vendita delle armi, fino ad arrivare a smantellarne l’intero mercato. Sappiamo che negli Stati Uniti d’America un discorso del genere ve a toccare tanti nervi tesi, scoprendoli anche del tutto.

Troppi interessi, ancora troppo elevati, ma una svolta dovrà pur esserci. Nell’ultimo periodo undici donne di origine asiatica erano state uccise nello Stato dell’Atlanta, mentre nel corso della serata di ieri un ex giocatore di football americano ha aperto il fuoco contro il vicinato, uccidendo i vicini di casa, i due nipoti e un altro uomo. Poi si è tolto la vita