Festa 150 Unità d’Italia: 3mln d’italiani partono per il ponte

Domani il 17 marzo 2011 sarà festa nazionale per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Dopo aver tanto parlato ed esposto disquisizioni sull’argomento, con i dubbi se festeggiare in un giorno memorabile come quello dell’Unità d’Italia nell’anniversario dei suoi 150 anni, domani arriverà il gran giorno. Le città sono già addobbate a festa. I balconi sventolano le bandiere del tricolore, e per le vie si respira aria patriottica.

Alla fine è stato deciso di festeggiare e di dichiarare come festivo questa data che rimarrà storica negli annali della storia dello stivale. Gli italiani amanti e sognatori verso la propria nazione hanno deciso di approfittare di questo giovedì e di questa festa infrasettimanale per dedicarsi qualche giorno di vacanza, avvalendosi della possibilità di godersi un bel meritato ponte festivo.

Saranno, infatti, più di 3 milioni d’italiani che hanno già organizzato questa mini vacanza. Il 74,1% ha scelto come mete proprio località italiane. Un modo idoneo e servizievole di festeggiare la nostra bella Italia, e soprattutto questa festa in onore per l’Unità d’Italia, ampliando la conoscenza di luoghi che ancora non si era avuto occasione di vedere, o magari per rivisitare con un effetto romantico e sentimentale in più, città storiche e luoghi caratteristici che hanno fatto proprio la storia della nostra terra.

A rivelare il dato inerente al numero degli italiani turisti in giro per la nazione è stato l’Osservatorio nazionale turismo affermando inoltre che nel mese di marzo complessivamente saranno 7,3 milioni di villeggianti. Le località preferite sono quelle di montagna, e balneari ma soprattutto le città d’arte che con le loro sculture e i monumenti e i musei storici faranno rivivere con sentimenti più patriottici, questa festa nazionale.

Il ministro Brambilla alla rivelazione di questi dati, si è dichiarato soddisfatto e soprattutto ha asserito che si tratta di un buon segnale lanciato dal popolo italiano. Questo sia da punto di vista nazionalistico ma anche per il lato economico. L’Italia ha, infatti, bisogno che gli italiani riprendano in mano l’economia del paese e che si sentano incoraggiati a contrastare il periodo di enorme crisi economica che ancora aleggia alle spalle e sul collo delle famiglie italiane. Questo 2011 presenterà poche occasioni per il popolo dei vacanzieri a cui piace approfittare dei ponti, questa è stata sicuramente un’occasione ghiotta da non perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *