Avvinando Wine Fest 2011: l’arte di degustare il vino

Uno dei prodotti di punta del nostro bel paese è il vino, ce ne sono tantissime varietà e sapori che entusiasmano intenditori, sommelier e amanti del buon bere. Saper apprezzare i sapori e le fragranze di ogni vino è un’arte e il saper abbinare un vino ad un piatto è ancora più difficile.

Per approfondire la conoscenza del vino e dei suoi utilizzi ma anche per gli esperti che vogliono costantemente tenersi aggiornati è stata organizzata “Avvinando Wine Fest 2011”. Avvinare, in gergo, vuole intendere l’operazione del versare una piccola quantità di vino in un calice facendolo roteare lungo le pareti del bicchiere per eliminare eventuali odori o sapori residui e prepararsi quindi alla vera e propria degustazione. Il degustare il vino è un’operazione che coinvolge tutti i sensi: la vista si occupa di esaminare il colore e la trasparenza del prodotto, l’olfatto ne carpirà profumi e note speziate, il tatto si troverà all’interno della bocca per valutare la corposità del vino e il gusto che ovviamente sarà il senso maggiormente coinvolto.

A Palermo, precisamente a Villa Boscogrande, l’evento prevedeva una due giorni a tutto vino. Nella giornata del 14 l’attenzione è stata posta soprattutto agli abbinamenti culinari e non solo, ad esempio si è preso in esame il gusto del vino abbinato all’aroma dei sigari toscani, mentre la giornata di ieri, 15 ottobre, è stata all’insegna di degustazioni e seminari atti ad approfondire la conoscenza di pregiati vitigni.

Ad arricchire l’atmosfera i suoni di pianoforte, contrabbasso, violino e band siciliane.

Nel corso della serata di ieri è stato inoltre assegnato il premio Avvinando Wine Fest 2011 che si suddivide in: Premio missione di internazionalizzazione vini siciliani riservato ai vini siciliani, Premio grandi vini italiani riservato alle aziende Italiane e Premio Giancarlo Lo Sicco riservato alle aziende agroalimentari, in memoria del giornalista enogastronomico scomparso lo scorso anno.