Film In Sala 20 Gennaio: L’Ora Nera, E Ora dove Andiamo?, Sette Opere di Misericordia

Diamo uno sguardo ai titoli secondari in uscita al cinema questa settimana (20 Gennaio 2012):

L’ORA NERA 3D di Chris Gorak
Sean (Emile Hirsch) e Ben (Max Minghella) sono due programmatori in visita a Mosca per proporre a dei magnati russi la loro innovativa applicazione per cellulari. Arrivati sul posto però scoprono che un loro concorrente ha copiato l’idea e concluso l’affare prima di loro. Arrabbiati e sconsolati decidono di non buttare all’aria quel viaggio in Russia e così si danno alla vita da turisti. In un locale fanno la conoscenza di due ragazze americane,  Natalie (Olivia Thirlby) ed Anne (Rachael Taylor), con cui passeranno una notte da incubo. Infatti all’improvviso la città cade in preda ad un black-out e dal cielo strani fasci di luce atterrano sul pianeta, diventando invisibili e disintegrando ogni forma di vita.

E ORA DOVE ANDIAMO? di Nadine Labaki
In un paesino del medioriente è serrata la lotta tra la fazione dei musulmani e quella dei cattolici. Gli uomini, sempre pronti a impugnare le armi, vivono le loro giornate pensando al modo migliore per farla pagare a i loro rispettivi avversari. Le donne invece, coalizzate fra loro senza distinzioni di età, razza o credo, cercheranno in tutti i modi di placare quell’odio incontrollabile e quella violenza inutile. Nel cast la stessa regista Nadine Labaki, Claude Msawbaa, Layla Hakim, Yvonne Maalouf e Antoinette Noufaily.

SETTE OPERE DI MISERICORDIA di Gianluca e Massimiliano De Serio
Luminita (Olimpia Melinte) è una ragazza romena che vive in clandestinità a Torino e per vivere rischia ogni giorno, compiendo piccoli furtarelli e portando la maggior parte dei frutti del suo disonesto lavoro a dei criminali che la tengono letteralmente sotto scacco. Decisa a ricominciare, sfuggire alla malavita e a procurarsi tutto il necessario per abbandonare la clandestinità, Luminita pianifica un’ operazione delicata nel quale rientra il vecchio Antonio (Roberto Herlitzka), uomo anziano e malandato che continuamente deve ricoverarsi in ospedale.

 

Torna alla prima parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *