Nina Zilli: un talento emerso senza talent show e tanti progetti per quest'anno

Nina Zilli si conferma essere una delle personalità più forti del nostro panorama musicale, nella sua immagine dolcemente vintage e forte allo stesso tempo si definisce l’antitesi dei talent show.

Anni di gavetta e di studio, tra viaggi in America per curare la sua identità e formazione musicale e gli studi al conservatorio, esperienze televisive come veejay di Mtv e conduttrice del Roxy Bar al fianco di Red Ronnie hanno formato la sua carriera, che tra un impegno musicale e l’altro la porta al Festival di Sanremo 2010 con la canzone “L’uomo che amava le donne”, brano che vince il “Premio della Critica Mia Martini” e ne fa di Nina la rivelazione dell’anno nella sezione “Nuova generazione”. Il suo è un curriculum che ricorda quello degli artisti di un tempo, per cui gli anni di formazione erano indispensabili per la ricerca artistica e sonora. Ed è bello ancora oggi poter scoprire che non è solo il talent show a poter realizzare i sogni di chi vorrebbe vivere di musica.

Le avevano proposto di diventare giudice ad X-Factor, ma Nina non ci ha pensato due secondi a rispondere con un secco no:“Ma come gli è venuto in mente di proporlo a me, io sono l’antitesi dei talent show. Il programma è fatto bene, i ragazzi sono bravi: ma non sai come muoverti, vestirti e cantare è meglio andare al karaoke. Mi ha nauseato sentir parlare di “Talento”.

Intanto per quest’anno gli appuntamenti della cantante sono ben interessanti: la partecipazione a Sanremo 2012 con il singolo “Per sempre”, che anticipa il secondo album “L’amore è femmina” all’interno del quale si è avvalsa della collaborazione di Carmen Consoli per il brano “Un’altra estate”. Un sogno che si realizza per Nina che sin da piccola ha sempre amato la Consoli, definendola come l’artista italiana donna ancora degna di nota.

A Marzo affiancherà Panariello che l’ha voluta fortemente per il suo show, in onda a Marzo su Canale 5: una bella occasione per la cantante che avrà a sua disposizione un’intera orchestra.