Aereo Malaysian Airlines, sola andata per due passeggeri con passaporto rubato

Due passeggeri del Boeing 777 della Malaysian Airlines scomparso nel nulla tre giorni fa viaggiavano con dei passaporti rubati e due biglietti di sola andata, prenotati da un uomo d’affari iraniano. Almeno questo è quanto risulta dalle dichiarazioni al Financial Times dalla stessa agenzia di viaggi di Pattaya, in Thailandia, che si era occupata di prenotare i biglietti al centro dei sospetti.

Il buisnessman era una conoscenza già nota a Benjaporn Krutnait, proprietario dell’agenzia di viaggi; quest’ultimo ha affermato di averlo sempre conosciuto solo con il nome di Kazem Ali. Ali avrebbe dunque prenotato i biglietti per l’Europa, in classe economica, per due amici; l’agenzia di Krutnait aveva inizialmente trovato un posto sulla Qatar Ariways e un alto sulla Etihad. Ali però non aveva più dato segni di interessamento, tanto che le prenotazioni erano state cancellate.

Giovedì scorso, infine, il manager evidentemente è tornato ad averne bisogno: ed ecco i due biglietti di sola andata con la Malaysian Airlines, i più economici disponibili al momento. A pagare il saldo si è presentato un amico di Ali, la cui identità è ancora sconosciuta ai media, ma che l’agenzia di viaggi ha dichiarato di conoscere da più di tre anni.

I due posti, però, sembrano essere stati occupati da due uomini che viaggiavano con dei passaporti rubati in Thailandia, uno a nome italiano e uno austriaco.
«È confermato che non sembrano asiatici» ha detto in conferenza stampa il direttore dell’Aviazione civile della Malaysia, Azharuddin Abdul Rahman. Ma c’è di più: ad una domanda precisa sulle fattezze dei due, il direttore è riuscito a spiegarsi solo chiedendo a sua volta «Conoscete un calciatore che si chiama Balotelli?»

Le autorità internazionali invitano in ogni caso alla cautela: per quanto la pista legata al terrorismo sia quella più battuta, non è escluso che la faccenda dei passaporti rubati nasconda piuttosto un tentativo di immigrazione illegale. In ogni caso, l’Interpol continua ad indagare anche su altri casi di passaporti sospetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *