Tragedia ad Arezzo, muore a 8 anni il figlio di Michele Bacis
Tragedia ad Arezzo, muore a 8 anni il figlio di Michele Bacis

Tragedia ad Arezzo, muore a 8 anni il figlio di Michele Bacis

Tragedia ad Arezzo: è morto ad otto anni il figlio di Michele Bacis, ex calciatore. Il piccolo è deceduto dopo essere caduto dal balcone, ancora da chiarire le dinamiche dell’accaduto

Un tonfo nel cuore della sera. Un rumore sordo che spegne una vita e ne distrugge altre. E’ il rumore sordo della caduta del figlio di Michele Bacis, ex calciatore: è morto all’età di 8 anni cadendo giù dal balcone dell’abitazione di Arezzo. Una tragedia per la quale si sono rivelati inutili i soccorsi arrivati poco dopo la telefonata di allarme: quando l’ambulanza del 118 è giunta in vicolo della Dea non c’è stato nulla da fare, inutile anche trasportarlo nell’ospedale di Firenze con l’elisoccorso già pronto a decollare.

Ancora da chiarire le dinamiche dell’incidente nel cuore storico del Comune toscano. Le prime testimonianze raccontano di un urlo prima del tonfo. Forse il papà Michele che si era accorto di quanto stava accadendo. Una tragedia che ora dovrà essere chiarita. Bisognerà capire come il piccolo di 8 anni è volato giù dal balcone. Capire però un dramma di queste dimensioni per chi lo sta vivendo in prima persona sarà impossibile.

POTREBBE INTERESSATI ANCHE >>> E’ morto Ezio Bosso, la musica piange il compositore

Morto il figlio di Michele Bacis, ex calciatore di Fiorentina ed Arezzo

Michele bacis figlio
Un’ambulanza (Foto di Gianni Crestani da Pixabay)

Il dramma che si è consumato ieri sera si aggiunge ad un altro che Michele Bacis ha vissuto nelle scorse settimane. Prima ancora della morte del figlio di 8 anni, l’ex calciatore aveva raccontato nei giorni scorsi di aver perso uno zio per il coronavirus. Dramma su dramma per l’ex difensore, cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta e approdato poi, tra le altre squadre, anche nella Fiorentina e nel Genoa. Una carriera legata anche all’Arezzo dove ha iniziato anche la sua avventura da allenatore. Ora però il calcio è davvero l’ultimo dei pensieri. C’è un figlio da piangere, un dolore troppo grande con cui imparare a convivere.

LEGGI ANCHE >>> Un lottatore di sumo positivo alla Covid-19 è morto a 28 anni, in Giappone