Morto Alberto Alesina, l’italiano che conquistò l’America

E’ morto Alberto Alesina, economista italiano, 63 anni, professore ad Harvard ed editorialista del Corriere della Sera

E’ morto all’età di 63 anni Alberto Alesina, economista italiano tra i più famosi al mondo, docente ad Harvard ed editorialista del Corriere della Sera. Lo studioso è venuto a mancare mentre faceva un’escursione con la moglie in montagna, probabilmente a causa di un attacco cardiaco. Nato a Broni (Pavia) nel 1957, Alesina aveva frequentato l’Università Bocconi di Milano dove si è laureato nel 1981. Poi il viaggio in America, ad Harvard, dove nel 1986 consegue il PhD in economics. Nella stessa università americana diventa docente. Nel 1990 è considerato dall’Economist come uno dei migliori 8 economisti con meno di 40 anni, mentre nel 2012 è tra gli economisti italiani con il miglior H-Index.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> E’ morto Charles Lippincott, pubblicista di Star Wars: cinema a lutto

Addio ad Alberto Alesina, tra i migliori economisti italiani


Numerosa l’attività di pubblicista di Alberto Alesina, morto all’età di 63 anni: prolungata la collaborazione soprattutto con il Corriere della Sera, per il quale ha scritto numerosi editoriali. Alesina ha collaborato anche con il Sole 24 Ore. Numerosi i suoi libri: i più importanti ‘The Size of Nations’ (editore MIT press) e Fighting Poverty in the US and Europe: A World of Difference (pubblicato da Oxford University Press). Lunga la collaborazione con Francesco Giavazzi con il quale ha condiviso sia articoli che libri: tra questi si può citare Goodbye Europa del 2006 oppure Il liberismo è di sinistra (2007). Fece molto discutere un articolo pubblicato con Andrea Ichino con la proposta di una minore tassazione per le donne. Note anche le sue apparizioni televisive come ospite in trasmissioni di politica e attualità.

LEGGI ANCHE >>> Botta e risposta Usa-Italia: “Parlamentari figli di prostitute”