Arrestato l’ex senatore De Gregorio: estorsione e riciclaggio le accuse
Arrestato l’ex senatore De Gregorio: estorsione e riciclaggio le accuse

Arrestato l’ex senatore De Gregorio: estorsione e riciclaggio le accuse

Importante operazione della Squadra Mobile di Roma in cui sono finite in manette nove persone per un giro di estorsioni. Arrestato anche Sergio De Gregorio, ex senatore del Pdl. 

La città di Roma questa mattina è stata svegliata dall’operazione della Squadra Mobile di Roma, che insieme alla coordinazione della Direzione Distrettuale Antimafia hanno arrestato nove persone per un giro di estorsioni. Le persone fermate dalla Polizia capitolina sono state accusate dei reati di estorsione, riciclaggio ed autoriciclaggio. Per questo motivo il gip ha emesso delle misure cautelari emettendo ordinanze restrittive della libertà personale. Sequestrati anche beni patrimoniali e conti correnti di alcune società per un totale di circa 480 mila euro. A finire in manette anche l’ex senatore del partito Popolo della Libertà, Sergio De Gregorio, destinatario della misura cautelare del carcere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Forte scossa di terremoto tra Grecia e Turchia: magnitudo 5.2

In manette Sergio De Gregorio: ecco chi è l’ex senatore del Pdl

Sergio De Gregorio
Sergio De Gregorio (Immagine da YouTube)

Nato a Napoli nel 1960, Sergio De Gregorio fu prima giornalista e poi porta borse. Inizia ad addentrarsi nel mondo della politica passando per vari partiti. Nel 2008 è protagonista di uno scandalo sulla compravendita di alcuni parlamentari, in cui dichiara che Silvio Berlusconi lo pagò 3 milioni di euro per passare a Forza Italia e far cadere il Governo di Romano Prodi. Quattro anni dopo è di nuovo vicino all’arresto, poi respinto dal Senato, per varie accuse tra cui: associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dello Stato e possesso ingiustificato di valori. Nel 2013, nello scandalo per i finanziamenti pubblici al quotidiano ‘L’Avanti’, decide di costituirsi finendo agli arresti domiciliari. Quello di oggi è dunque solo l’ennesimo scandalo in cui finisce l’ex senatore del Popolo della Libertà.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ritardo della Cina sulle informazioni sul Coronavirus: Oms furiosa