Usa, arrestato per stupro il pornoattore Ron Jeremy

Ron Jeremy, pornoattore di fama mondiale, arrestato con l’accusa di stupro ai danni di diverse donne.

Arrestato Ron Jeremy. Il pornoattore, di 67 anni, è accusato di stupro ai danni di ben tre donne nell’area di West Hollywood. Il divo dei film a luci rosse era già in condizioni precarie per quanto riguarda la salute, ora arriva anche l’arresto, in quel di Los Angeles, con pesanti accuse. L’incriminazione è stata formulata e resa nota dal procuratore della contea di Los Angeles Jackie Lacey. Al vaglio dell’inchiesta, su una delle facce più note del porno mondiale, ci sarebbe anche un quarto episodio di aggressione sessuale, sempre ai danni di una donna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Emilio Fede arrestato a Napoli: stava festeggiando il compleanno

Ron Jeremy arrestato per stupro: rischia di marcire e morire in carcere

Ron Jeremy arrestato
Hollywood (Getty Images)

Diverse aggressioni a sfondo sessuale in periodo separati tra loro. Il primo caso sarebbe avvenuto nel 2014, nella sua casa. Gli altri tre (di cui uno ancora sotto inchiesta) tra il 2017 e il 2019. Quest’ultimi avvenuti sempre nel solito luogo: un bar di Hollywood, di cui ancora non si conosce il nome esatto. Tutte le vittime che hanno presentato la loro personale denuncia hanno un’età compresa tra i 25 e i 46 anni, e il loro anonimato è stato garantito dal procuratore. Se la condanna definitiva dovrebbe essere quella richiesta, ovvero 90 anni di prigione, Ron Jeremy rischia letteralmente di marcire e poi morire in prigione. Una fine che potrebbe essere davvero amara quella che aspetta uno dei più “grandi” pornoattori che lo schermo abbia mai visto, che debuttò debuttò proprio nel porno nel 1979 col film ‘Inside Seka’. Tra i suoi film più noti ‘Cicciolina e Moana ai mondiali’ del 1990 e ‘Concetta Licata’ con Selen nel 1994. Il suo marchio di fabbrica è stata sempre la sua bruttezza. Lui stesso si definiva “basso, grasso e peloso” ed era soprannominato “Porcospino”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tangenti per appalti metro, 13 arresti a Milano: c’è anche un dirigente Atm