Tangenti per appalti metro, 13 arresti a Milano: c’è anche un dirigente Atm

Appalti truccati e tangenti per sulle forniture delle metropolitane a Milano. Sono 13 le persone finite in manette: arrestato anche un dirigente Atm

Nuova operazione della Guardia di Finanza che smaschera un giro di tangenti ed appalti truccati a Milano. Nel capoluogo lombardo ben 13 persone sono state arrestate, con dodici persone in carcere ed una ai domiciliari. Inoltre, al centro dell’indagine ci sarebbe anche un dirigente Atm (Azienda Trasporti Milanese), P.B, responsabile degli ‘impianti di segnalamento e automazione delle metro milanesi. Il dirigente in questione, secondo le indagini, avrebbe incassato oltre 125 mila euro in mazzette per gli appalti tra il 2018 ed il 2019. Le accuse sarebbero associazione per delinquere, corruzione, turbativa d’asta, peculato, abuso d’ufficio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Emilio Fede arrestato a Napoli: stava festeggiando il compleanno

Appalti metro truccati a Milano: interviene il procuratore Greco

Metro Duomo di Milano (Getty Images)

Le indagini della Guardia di Finanza portano a 13 arresti per delle tangenti su appalti riguardanti la metropolitana milanese. Tra questi ci sarebbe anche un dirigente Atm, ritenuto come pubblico ufficiale. Le indagini partono dal 2006, per un episodio di corruzione relativo sempre alla manutenzione della metro. Sull’argomento interviene il procuratore Greco che dichiara:”Hanno accertato l’esistenza di un sistema di metodica alterazione di gare ad evidenza pubblica indette da Atm spa gravitante attorno alla figura” del dirigente P. B., “pubblico ufficiale con il ruolo di Responsabile dell’Unità amministrativa complessa sugli impianti di segnalamento e automazione delle linee metropolitane 1,2, 3 e 5 e alle società Ivm srl e Mad System srl, create dal dirigente per interferire negli appalti”. Oltre alle 13 persone finite in manette, risultano indagate altre 30 persone ed otto società come Siemens Mobility, Alstom Ferroviaria, Ceit e Engineering Informatica. Un’operazione dunque che smaschera un giro illecito di tangenti che andava avanti da troppo tempo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Palermo, altro colpo a Cosa nostra: due imprenditori denunciano il racket