Addio a Maria Grazia Ghezzi, storica dirigente della Cgil
Addio a Maria Grazia Ghezzi, storica dirigente della Cgil

Addio a Maria Grazia Ghezzi, storica dirigente della Cgil

Maria Grazia Ghezzi si è spenta questa mattina a Milano. Da anni combatteva contro un male. Presiedeva l’Anpi Cgil Lombardia

Addio a Maria Grazia Ghezzi. La storica dirigente sindacale della Cgil si è spenta stamane a Milano. “È un momento di grande dolore per la nostra organizzazione. Ciao compagna”, ha scritto la sede Cgil di Milano sulla propria pagina Facebook. Dal 2017 era anche presidente della sezione Anpi del capoluogo lombardo “Maria Lorini e Pio Galli”.

Per tutta la vita ha lottato per tutti e per tutte e con lo stesso spirito ha affrontato la malattia. Questo è in sintesi il pensiero dei sindacalisti milanesi. Comunista, si iscrisse a Sovico, il suo paese in Brianza, al Partito Comunista Italiano nel lontano 1964, anno della morte di Palmiro Togliatti, storico segretario del Pci.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Addio al campione Matteo Mutti, a 29 anni il coronavirus lo ha portato via

Addio a Maria Grazia Ghezzi, il ricordo di chi l’ha conosciuta

cigl ghezzi
Cgil (Getty Images)

In tanti anni di lotte, cortei, incontri e sezioni di partito e sede sindacali, Maria Grazia Ghezzi ha conosciuto tantissime persone. Tutta gente che oggi l’ha voluta ricordare soprattutto tramite i social, anche solo con poche parole. C’è chi la saluta e chi, invece, rievoca un episodio legato alla sua memoria come una manifestazione a in occasione di una semplice riunione sindacale.

A protestare davanti alla Regione, con accanto una bandiera rossa. Così la vuole ricordare Elena Lattuada, segretaria della Cgil della Lombardia.

Un saluto arriva anche dal gruppo I Sentinelli che non molto tempo fa era in piazza con lei in un’ennesima manifestazione per chiedere il commissariamento della sanità lombarda dopo le tantissime vittime del Covid-19 che ci sono stati in Lombardia.

Ci sono anche i politici locali nell’elenco di chi la vuole ricordare, ognuno a modo suo. Il presidente del consiglio comunale, Lamberto Bertolè, dice che era “una donna intransigente, caparbia, dolce e generosa che ha insegnato e dato molto a tutti noi”.