Coronavirus, Usa sempre male: in California nuove restrizioni
Coronavirus, Usa sempre male: in California nuove restrizioni

Coronavirus, Usa sempre male: in California nuove restrizioni

Negli Usa continua a circolare il coronavirus: non si ferma il numero dei contagiati. In California nuovo restrizioni.

Sarà già da un bel po’ di tempo che scriviamo “nessuna buona notizia”. Ma è la dura, amara e sana verità. Negli Usa, sul fronte coronavirus (che poi è l’unico a tener banco giorno per giorno), la situazione continua ad essere allarmante se non, ormai, catastrofica. È un virus impazzito, fuori controllo, che colpisce come un raffica di vento. Nelle ultime 24 ore, calcolando sempre il fuso orario che divide il nostro Paese dall’America, sono stati registrati quasi 60 mila nuovi casi: 59.222, secondo i dati forniti dall’ottimo lavoro quotidiano della Johns Hopkins University. Ora i casi complessivi di contagiati sono 3,36 milioni, un dato più che allarmante che continua a crescere. Mentre il bilancio dei morti sale a 135.582 con 411 nuove vittime.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, anche il Messico al centro dell’emergenza sanitaria

Coronavirus, Usa: in California si bloccano le attività

coronavirus due americhe
Ragazzo con mascherina in USA (Getty Images)

È uno degli Stati Usa maggiormente colpiti dal coronavirus. Parliamo della California. Luogo che, nelle ultime ore, “si è chiuso” ancor di più. Una nuova stretta, una chiusura serrata verso quelle attività “non essenziali”. Le autorità, visto l’impennata dei contagi da coronavirus, han deciso d’intervenire in maniera massiccia e senza troppi indugi. A farne le spese sono stati i luoghi di “piacere culinario” e di cultura: chiusi bar, ristoranti e discoteche. A seguire, saracinesche abbassate anche per teatri, cinema, musei e palestre. Chiusi anche gli zoo del posto. Una vera e propria stretta, annunciata direttamente dal governatore dello Stato della California, Gavin Newsom. Tempi duri per gli Stati Uniti d’America che non riescono a risollevarsi da una catastrofe nazionale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, la situazione e i numeri delle “Due Americhe” a fine settimana