Marte, ancora un lancio storico: il giorno della Cina

Marte torna nuovamente sotto i riflettori: oggi è la volta della Cina, con un’altra giornata da incorniciare e un lancio a dir poco storico.

Da pochi giorni è sotto i riflettori come mai lo è stato prima. Al centro del dibattito non c’è nessun personaggio famoso o situazione “storica” come quella del coronavirus. Per fortuna, a volte, possiamo distogliere lo sguardo e assistere a qualcosa di veramente storico. Parliamo di Marte, l’ormai conosciuto come “Pianeta Rosso”. Oggi, 23 luglio 2020, a far parlare del quarto pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole è la Cina. Rosso su rosso potremmo dire. La nazione asiatica lancia la sonda Tianwen 1 direttamente su Marte. Un “volo” destinato ad entrare nella storia: sarà il primo veicolo della Cina a entrare nell’orbita del pianeta rosso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Marte, un video in 4K mostra la superficie del Pianeta Rosso

Marte, prima gli Emirati Arabi, poi la Cina, infine gli Usa: “filone di lanci”

marte cina
Lancio della sonda spaziale su Marte (Getty Images)

Appena tre giorni fa era arrivato l’annuncio del primo di quello che sarà, a tutti gli effetti, un “filone di lanci su Marte”: nella giornata del 20 luglio gli Emirati Arabi Uniti hanno lanciato la loro prima sonda su Marte. Anche in questo caso è stato un “volo” storico, con il Paese in questione per la prima volta nell’orbita del piante rosso. Prima del lancio (riuscito alla terza occasione) c’era stato un temporeggiamento causa mal tempo. Al terzo colpo la sonda Al-Amal, che tradotto in italiano vuol dire “Speranza”, è riuscita a sganciarsi e volare nei cieli.

Quello della Cina, quindi, sarà il secondo lancio storico. Mentre, tra una settimana esatta (30 luglio), sarà la volta degli Stati Uniti d’America. Anche gli Usa lanceranno la propria sonda che andrà a chiudere questo filone di voli che, probabilmente, apriranno scenari mai conosciuti prima e che in tanti aspettano di osservare da “vicino”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Emirati Arabi Uniti: in volo verso Marte