Maria De Filippi, matrimonio a sorpresa: “Proposta fatta, spero accetti”

Maria De Filippi invitata al matrimonio di Sossio Aruta. L’ex Uomini e Donne e Grande Fratello Vip la vorrebbe come sua testimone

Per Maria De Filippi c’è un altare all’orizzonte e una marcia nuziale. Alla conduttrice di Mediaset è stato chiesto di partecipare a un matrimonio ma non da semplice invitata bensì da testimone. La proposta è stata fatta da Sossio Aruta. L’ex concorrente di Uomini e Donne e del Grande Fratello Vip vorrebbe la donna come sua testimone e per lei ha usato parole al miele.

L’ex calciatore ha detto che è merito suo se adesso è un uomo nuovo perché era disperato e la De Filippi gli diede la possibilità di partecipare a Uomini e Donne. “Vorrei che accettasse di essere la mia testimone di nozze”, ha affermato.

Il matrimonio con Ursula Bennardo, dama del programma dove ebbe inizio il rapporto tra i due, avverrà il prossimo anno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Elisabetta Canalis in barca, lato A e belle compagnie: scatto fantastico

Matrimonio di Sossio Aruta: la lunga lista di invitati Vip

Mario De Filippi
Sossio Aruta e Ursula Bennardo (foto web)

La richiesta di Sossio Aruta a Maria De Filippi di essere testimone delle nozze con Ursula Bennardo, è un gesto di riconoscenza. I due si sono corteggiati nel programma che Maria lo fece partecipare in un momento particolare della sua vita, come egli racconta.

E proprio la riconoscenza influenzerà anche la lista degli invitati, ricca di personaggi che hanno avuto a che fare con i futuri sposi e nel loro percorso pubblico-televisivo, poi privato: al matrimonio dunque porte aperte per Valeria Marini, Alfonso Signorini, Aristide Malnati, Tina Cipollari, Gianni Sperti, Antonella Elia, Paola di Benedetto e Riccardo Guarnieri. Poi ancora: Andrea Denver, Patrick Ray Pugliese. A questi nel corso dell’anno si aggiungeranno ancora Vip alla lista.

Dopo il sì di Ursula, resta da attendere solo quello di Maria De Filippi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Temptation Island, Amoruso deluso da Manila Nazzaro: c’è la vendetta