Coronavirus Barcellona: emergenza in città, strade vuote
Coronavirus Barcellona: emergenza in città, strade vuote

Coronavirus Barcellona: emergenza in città, strade vuote

La Spagna è alle prese con una nuova ondata di contagi da Coronavirus. Barcellona in particolare tra le città più colpite: le strade si sono nuovamente svuotate.

In Catalogna si è registrato un aumenti di casi di positività al Coronavirus e Barcellona, città di riferimento della regione spagnola, si è nuovamente svuotata. In Germania e Inghilterra l’avvertimento dei Governi ai propri cittadini di non recarsi a Barcellona o comuni limitrofi per l’emergenza Covid: molti turisti quindi hanno lasciato la città e molti altri, che magari avevano programmato un viaggio all’ombra della Sagrada Familia, hanno optato per non partire più. Il risultato che ne consegue è una Barcellona quasi completamente svuotata di turisti stranieri e anche molti locali hanno deciso di uscire il meno possibile da casa per timore di contrarre il virus. L’effetto che ne consegue è di una città in molti quartieri praticamente deserta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, i dati dell’ultimo bollettino in Italia

Coronavirus, non solo Barcellona e Spagna: le nazioni più colpite

coronavirus usa india
Ragazza con mascherina negli Usa ai tempi del Covid-19 (Getty Images)

L’emergenza a livello mondiale intanto prosegue, con USA, India e Sud America che continuano a preoccupare. In particolar modo negli Stati Uniti, come fa sapere l’OMS, il 29 luglio sono stati segnalati 54.022 nuovi contagi in 24 ore. Alla soglia dei 50 mila casi anche l’India che, in totale, fino a oggi ha fatto registrare 35 mila decessi accertati per Covid. Dopo Usa e India al terzo posto per incremento giornaliero di positivi c’è il Brasile: 23.284 in 24 ore. Si registra un’impennata di casi anche in Russia, che inizia a preoccupare seriamente, con quasi 5500 casi accertati nelle ultime 24 ore. Nel Paese di Putin i contagiati totali sono 827.509 e i morti 13.650. E i numeri sembrano tendere verso una crescita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sgarbi contro l’uso delle mascherine a scuola