Coronavirus, Barty: la numero 1 al mondo si ritira dagli Us Open

Ashleigh Barty si ritira ufficialmente dagli Us Open: la numero 1 al mondo non “si fida” della pandemia da coronavirus e “getta” la racchetta.

Incredibile notizia nell’ambito del tennis. La numero 1 al mondo, Ashleigh Barty, si ritira ufficialmente dagli Us Open. Torneo che parte il 31 agosto. Ad un mese esatto dall’inizio della più importante manifestazione tennistica negli Stati Uniti d’America arriva il comunicato ufficiale. La motivazione, ovviamente, è quella che ormai tutti conosciamo e con cui combattiamo da tempo: la pandemia da coronavirus. Un fenomeno, negativo, che sta dilagando a macchia d’olio in diverse parti dell’America Settentrionale. Queste le parole della campionessa: “Col mio team abbiamo deciso di non viaggiare negli Usa per il Master di Cincinnati e per gli Us Open quest’anno”. Con queste parole la tennista australiana ha “liquidato” la sua partecipazione al torneo del Grande Slam. Un atto comprensibilissimo, che constata la grande paura nei confronti del “mostro”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Siviglia, c’è un positivo al coronavirus: il retroscena su Banega

Coronavirus, dal ritiro di Barty dagli Us Open ai morti negli Usa

coronavirus barty us open
Fiori per i morti da coronavirus in Usa (Getty Images)

L’addio, per quest’anno, di Ashleigh Barty dagli Us Open ha sferrato un duro colpo. In risalto, questa volta, è stato messo un vero e proprio ritiro da una manifestazione sportiva a causa del coronavirus. Dato che dovrebbe indurre a riflettere ancor di più sulla gravità della situazione, senza troppi screzi e battutine varie sull’argomento stesso.

Nelle ultime 24 ore, sempre in Usa, sono state registrate altre 1.267 vittime per “mano” del Covid-19. Per un totale che, da inizio pandemia, supera i 150.000 decessi: esattamente 150.700 morti. Un numero impressionante che non intende abbassarsi nelle successive ore e nei prossimi giorni. L’America Settentrionale è nel pieno di un vero e proprio incubo che, a livello mondiale, viene seguito con grande apprensione. Tutto ciò che stiamo vivendo potrebbe portarci ad un brusco risveglio.

Per dovere di cronaca ricordiamo che i dati vengono forniti dall’accurato lavoro della John Hopkins University che, sempre nelle ultime 24 ore, ha dichiarato anche il nuovo numero di contagiati: 68.086, per un totale di 4,24 milioni di persone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Riapertura degli stadi, la previsione pessimistica del virologo Pregliasco