Coronavirus, Sabaudia: bagnino positivo. Lavora in zona Bufalara

Coronavirus a Sabaudia, positivo il bagnino del chiosco “Il Gabbiano” della zona della Bufalara. Al via l’indagine epidemiologica

Coronavirus a Sabaudia, torna la paura nel basso Lazio. Ieri sono arrivati gli esami effettuati su un bagnino che lavora al chiosco “Il Gabbiano” della zona della Bufalara. Gli esiti sono purtroppo positivi ma l’Asl di Latina in un primo momento esclude pericoli particolari per i clienti della struttura perché a quanto pare il bagnino non avesse particolare rapporti con i bagnanti in spiaggia.

Il giovane è residente proprio a Latina e al momento l’Asl non ha disposto il tampone per chi ha frequentato il chiosco se non per due colleghi che ovviamente con lui hanno avuto più contatti. Resta però da scoprire dove e da chi il ragazzo ha contratto il virus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Palermo, turista Usa in fuga: doveva sottoporsi al tampone per il coronavirus

Coronavirus a Sabaudia, in precedenza altri casi

coronavirus nuovo vaccino
Ricercatore al lavoro (Getty Images)

Torna dunque la paura sul litorale laziale per il caso di positività del bagnino a Sabaudia. In quella zona già nelle scorse settimane sono state trovate positive alcune persone come il venditore ambulante bengalese scappato dalla quarantena a Roma o il caso del piccolo focolaio esploso nella comunità indiana di Sabaudia dopo che un lavoratore, rientrato dall’India e positivo, ha contagiato delle persone.

In seguito al caso del cittadino indiano l’Asl di Latina ha effettuato tamponi a tutti i suoi connazionali che avevano partecipato ad una funzione religiosa. Il 21 luglio erano stati effettuati duecentotto tamponi, il numero dei partecipanti alla funzione, e sono emersi due positivi.
Nel plesso Bella Farnia vive una grande comunità indiana e anche lì sono stati eseguiti dei test sierologici, il 29 luglio: dodici sono risultati positivi per la presenza di anticorpi di cui uno solo positivo al tampone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Gdf sequestra 34 mila mascherine: scandalo nel Veneto