Morto Wilford Brimley: chi era l’attore che recitò con Robert Redford
Morto Wilford Brimley: chi era l’attore che recitò con Robert Redford

Morto Wilford Brimley: chi era l’attore che recitò con Robert Redford

È morto Wilford Brimley, l’attore statunitense aveva 85 anni e da tempo era ricoverato in terapia intensiva per vari problemi di salute. I suoi film più noti.

Se ne va all’età di 85 anni uno degli attori più iconici del cinema statunitense. Grazie ai suoi folti baffi Wilford Brimley è stato decisamente riconoscibile nel corso della sua carriera che conta film, tra gli altri, come Coocon, La cosa, Il migliore con Robert Redford e Vita col nonno. Da tempo era ricoverato per vari problemi di salute ed era anche sottoposto a dialisi. A dare notizia della morte, avvenuta sabato 1 agosto, è stata la manager che lo ha salutato così: “Aveva un aspetto duro e un cuore tenero. Un uomo di cui ti potevi fidare“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, i numeri dell’ultimo bollettino italiano

Morto Wilford Brimley, i suoi film più famosi

Folto baffo a manubrio e cappello da cowboy quasi sempre in testa. Dopo tutto non poteva essere altrimenti, considerando che Wilford prima di diventare attore era stato un cow boy da rodeo. La sua carriera sul grande e piccolo schermo iniziò negli anni settanta. Diritto di cronaca, la serie di film Cocoon – L’energia dell’universo, Il migliore al fianco di Robert Redford, il famoso horror di John Carpenter La cosa, Il socio e Fuoco incrociato con Tom Selleck solo per citarne alcuni. In televisione fu tra i protagonisti della serie Via Col Nonno, e presto il suo volto anche a numerosi spot dell’associazione diabetici in cui invitava la popolazione a uno stile di vita sano e corretto, oltre che a sottoporsi periodicamente alle analisi. Si sposò a metà degli anni cinquanta, la moglie morì nel 2000 per complicanze dovute a una malattia renale. Wilford era alle prese con diabete e un’insufficienza, il che lo ha costretto a cicli di dialisi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Strage di Bologna: 40 anni dall’attentato