Roma, due positivi al Coronavirus in un centro estivo: controlli a tappeto
Roma, due positivi al Coronavirus in un centro estivo: controlli a tappeto

Roma, due positivi al Coronavirus in un centro estivo: controlli a tappeto

A Roma spuntano due positivi all’interno di un centro estivo: ordinata la partenza dei controlli a tappetto su bambini, staff e genitori

Coronavirus che continua a spaventare anche la capitale. Infatti in un centro estivo di Roma, il Monkey Village, zona Giardinetti, sono stati trovate trovate positive al Covid-19 due persone. Scattato dunque subito l’allarme con l’Unità di Crisi della Regione Lazio che ordina test a tappeto per lo staff, per tutti i bambini ed i loro genitori, con 33 di queste già testate. Centro estivo dunque costretto alla chiusura dal 29 luglio, in attesa di testare tutti e di mettere in sicurezza il luogo e le persone che lo frequentano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, duro attacco del ministro Boccia a Matteo Salvini

Coronavirus, positivi in un centro estivo a Roma: confermata la riapertura anticipata degli asili

Coronavirus Roma Centro Estivo
Bambini (Getty Images)

Due nuovi positivi a Roma fanno scattare l’allarme per i contagi, sopratutto per quanto riguarda i bambini. In un centro estivo infatti due persone sono risultate positive. Controlli dunque serrati per tutti i componenti dello staff del centro estivo, per i bambini e per tutti i genitori. Positività che tornano a preoccupare nella capitale e nel Lazio, ma che non cambiano i piani dell’istruzione. Infatti a Roma resta invariata la data dell’apertura degli asili nido e della scuola dell’infanzia per la partenza del prossimo anno scolastico. Infatti dal 9 settembre ripartiranno le attività negli asili nido, mentre dal 14 settembre saranno aperte anche le scuole dell’infanzia. Una situazione quella dei contagi che però continua a spaventare, sopratutto per quanto riguarda la gestione di questi. Se i centri estivi sono costretti alla chiusura, cosa potrà succedere in caso di positività all’interno di una scuola? Una domanda che molti genitori si staranno ponendo al momento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Usa: si chiude un altro mese da incubo