Nuovo ponte Genova, Mattarella insieme ai familiari delle vittime

I familiari delle vittime del crollo del Ponte Morandi hanno incontrato il presidente Mattarella nel giorno dell’inaugurazione del nuovo ponte di Genova. 

Oggi a Genova si respira un’aria strana. Pochi minuti fa infatti è stato inaugurato il nuovo ponte di Genova “San Giorgio”. A questa cerimonia hanno partecipato le più alte cariche dello stato, tra cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Prima dell’inaugurazione il presidente ha incontrato i familiari delle vittime del crollo del Ponte Morandi, che quasi due anni fa è crollato uccidendo 43 persone e ferendo una città intera. L’incontro è avvenuto nella Prefettura del capoluogo ligure. I familiari, che si sono riuniti in un comitato guidato da Egle Possetti per chiedere giustizia, hanno partecipato alla cerimonia nonostante le polemiche delle scorse settimane. In un’intervista a Repubblica la Possetti ha dichiarato che le critiche servivano ad evitare che questa cerimonia diventasse una festa. Il comitato ha comunque organizzato una nuova commemorazione per le vittime del Morandi per il 14 agosto, anniversario del crollo.

LEGGI ANCHE >>> Inaugurazione nuovo ponte Genova: la polemica dei famigliari vittime

Nuovo ponte Genova, le dichiarazioni dei familiari

nuovo ponte genova
Un’immagine simbolo del crollo del ponte Morandi (Getty Images)

Il comitato dei familiari delle vittime del crollo del Ponte Morandi nelle scorse settimane ha dato vita ad un acceso dibattito. Le polemiche erano legate alla cerimonia di inaugurazione del nuovo ponte di Genova, che in un primo momento avrebbe compreso anche un concerto trasmesso in TV. In segno di protesta molte associazioni e comitati hanno rifiutato l’invito, tra cui i Vigili del Fuoco. Solo dopo che il sindaco di Genova Marco Bucci ha cambiato profondamente lo spirito della cerimonia i familiari delle vittime hanno accettato di partecipare. Ora è il momento della ripartenza, come sottolineato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte nel suo discorso. Affinché sia fatta giustizia però serve che ciascuno si prenda le proprie responsabilità: questo il succo del discorso del presidente Sergio Mattarella. Il momento più toccante della cerimonia è stato la lettura dei nomi delle 43 vittime del crollo nel silenzio, segno di una ferita ancora aperta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google lancia Pixel 4a: cosa c’è da sapere sul nuovo smartphone