Esplosione Beirut, militare italiano ferito: le sue condizioni

Nella violenta esplosione al porto di Beirut è stato coinvolto anche un militare italiano. Le sue condizioni non sarebbero preoccupanti; altri connazionali sotto shock.

La violenta esplosione che ha colpito il porto di Beirut nel pomeriggio di oggi lascia in eredità un bilancio pesantissimo, destinato probabilmente a salire nelle prossime ore. Fino ad adesso si sono registrate 40 vittime e oltre 400 feriti, ma il timore è che questi numeri possano crescere man mano che proseguono le azioni di soccorso. Tra le centinaia di persone rimaste contuse nel disastro c’è anche un militare del contingente italiano impegnato nella capitale del Libano. Le sue condizioni fortunatamente non sarebbero gravi, ma anche altri militari italiani sono sotto osservazione in stato di shock.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Beirut, il video dell’esplosione al porto 

Esplosione Beirut, italiano chiama la sua famiglia

Il militare italiano coinvolto, che ha riportato lievi ferite, avrebbe informato lui stesso la famiglia circa le sue condizioni di salute. A renderlo noto lo Stato maggiore della Difesa attraverso un comunicato ufficiale. L’Ambasciata italiana in Libano intanto è al lavoro per capire se nell’esplosione che ha devastato la zona del porto siano rimasti colpiti altri connazionali. È stato subito attivato un numero di emergenza al quale gli italiani presenti a Beirut possono rivolgersi per chiedere aiuto e soccorsi.

Ricordiamo che l’esplosione di questo pomeriggio ha fatto seguito un incendio che ha colpito, stando alle prime ricostruzioni, una fabbrica di materiale altamente infiammabile (forse pirotecnico). Subito hanno fatto il giro del web video che hanno testimoniato la violenta deflagrazione, con l’onda d’urto che ha colpito edifici lontani anche varie centinaia di metri. La nuvola di fumo che si è levata nel cielo libanese sarebbe visibile anche da Cipro, isola distante 200 chilometri della costa di Beirut.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esplosione anche in Cina: il bilancio dei morti