WhatsApp, una nuova funzione per evitare di essere ingannati

WhatsApp ha introdotto una scorciatoia per cercare approfondimenti sulle catene di messaggi che è meglio verificare.

Il lungo periodo di lockdown affrontato dalla popolazione per l’emergenza Covid-19 è coinciso con un notevole e preoccupante aumento della circolazione di bufale e fake news su Internet e sui social network. Le catene di messaggi su WhatsApp sono state e sono tuttora una delle principali forme di diffusione di queste notizie inattendibili.

Per soddisfare almeno in parte una richiesta proveniente non soltanto dagli utenti ma anche dalle autorità e dalle istituzioni WhatsApp ha introdotto una nuova funzione. Si tratta di una “scorciatoia” messa a disposizione degli utenti per ottenere nel modo più rapido e semplice possibile maggiori informazioni su un determinato messaggio.

Nel caso di messaggi contraddistinti dall’icona della doppia freccia, ossia quelli già inoltrati molte volte, il social network ha implementato un nuovo simbolo, cliccabile. Una lente d’ingrandimento posta a destra del messaggio ricevuto permette di cercare su Internet approfondimenti sul contenuto del messaggio stesso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, nuova funzione: stesso account su più dispositivi

Le azioni di WhatsApp contro le bufale e le fake news

whatsapp nuova funzione fake news
(Getty Images)

Il meccanismo che sta dietro la nuova funzione introdotta da WhatsApp è piuttosto semplice. L’icona a forma di lente di ingrandimento non fa altro che attivare una ricerca web con il contenuto del messaggio ricevuto. È in sostanza un modo per semplificare la vita e rendere le operazioni molto più rapide a chi intenda verificare l’attendibilità del messaggio cercando maggiori informazioni su Internet.

Già nei mesi scorsi WhatsApp aveva introdotto alcune limitazioni volte a ridurre la circolazione di fake news. Da gennaio scorso, diversamente da prima, gli utenti non possono inoltrare contenuti a più di cinque chat alla volta. Secondo il social network questa misura ha permesso di ridurre del 25 per cento a livello globale la circolazione dei messaggi tramite inoltro.