Palermo, tre arresti nel settore rifiuti: c’è anche il direttore della discarica Bellolampo

A Palermo, nelle prime luci di stamane, tre arresti nel campo dei rifiuti: tra questi anche Vincenzo Bonanno, direttore tecnico della discarica Bellolampo.

La Sicilia si sveglia invischiata ancora una volta in una “questione mafiosa”. A Palermo, nelle prime ore di stamani, arrestate tre persone per corruzione aggravata nel settore dei rifiuti. Ancora una maxi-operazione per sgomitare una vera banda di criminali. Un’organizzazione a delinquere scoperta dall’ottimo lavoro della Direzione investigativa Antimafia di Palermo. A finire in manette Emanuele Gaetano Caruso, imprenditore locale, Daniela Pisasale, titolare di diverse società operanti nel campo del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti, e Vincenzo Bonanno, direttore tecnico della famosa discarica di Palermo “Bellolampo”. Devi veri professionisti del settore che, però, lo erano diventati anche nel campo del crimine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Palermo, confessa dopo cinque anni: “Ho ucciso quella donna”

Palermo, arresti nel campo dei rifiuti: sorpreso uno dei tre delinquenti

palermo arresti rifiuti
Volante dei carabinieri all’opera durante degli arresti (Getty Images)

Gli arresti, condotti ed eseguiti dalla DIA (Direzione investigativa Antimafia), sono arrivati dopo un servizio di osservazione e pedinamento continuo ai danni di uno dei tre delinquenti: l’imprenditore locale Emanuele Gaetano Caruso. Quest’ultimo sorpreso mentre consegnava a Vincenzo Bonanno (secondo arrestato e direttore tecnico della discarica Bellolampo) una busta con al proprio interno una cifra pari a 5.000 euro in contanti. Non solo: dopo l’immediato arresto trovati altri 13.250 euro nascosti dentro un’autovettura. Grosse somme per uno sporco giro d’affari. Somme immediatamente poste sotto sequestro. L’operazione in questione non è un fatto singolare: rientra in un’indagine ancora più ampia, condotta sempre dalla DIA, in collaborazione e con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia. Tutto rapportato agli interessi della criminalità organizzata nell’ambito rifiuti, un “campo” ove, purtroppo, continuano a svilupparsi illeciti di grossa portata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milano, “lavorava” per un boss: sequestrati 3 milioni a un avvocato