Palermo, confessa dopo cinque anni: “Ho ucciso quella donna”

Confessa dopo cinque anni ai carabinieri di aver ucciso una donna romena di trent’anni scomparsa a Palermo. Ritrovato il corpo

Confessa dopo cinque anni ai carabinieri di aver ucciso una donna. Così Damiano Torrente, quarantasei anni, è stato arrestato dai carabinieri dai quali si era presentato “per un rimorso di coscienza” per aver ucciso Ruxandra Vesco, una romena di trent’anni scomparsa a Palermo nell’ottobre 2015 e per la quale era stata fatta all’epoca denuncia.

I militari dell’arma hanno subito avviato le ricerche del corpo che secondo l’uomo si trovata al Monte Pellegrino, chiuso in un sacchetto gettato in un dirupo. Giunti sul posto è emerso che purtroppo Torrente non aveva mentito.

L’uomo aveva già avuto in passato seri problemi con la giustizia e proprio nel periodo del lockdown era tornato in libertà. Sposato con un’altra donna, anche lei romena, Torrente era stato arrestato per un caso di stalking.

Ora i carabinieri indagano per ricostruire bene tutto l’accaduto, partendo proprio dalle parole dell’uomo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Crotone, abusi sessuali per sette anni sulle nipoti minorenni

Confessa dopo cinque anni su consiglio del prete della sua parrocchia

confessa dopo cinque anni
Un carabiniere (Getty Images)

È macabra la storia di Palermo dove un uomo, Damiano Torrente, ha confessato di aver ucciso nell’ottobre del 2015 una cittadina romena, Ruxandra Vesco, e di aver gettato il corpo in un dirupo sul Monte Pellegrino, chiuso in un sacchetto.

Ieri i Vigili del Fuoco e i Ris dei carabinieri hanno trovato quel che resta della donna.

Uscito di carcere da poco, l’uomo frequentava la parrocchia del quartiere Acquasanta. Ha raccontato ai carabinieri che prima di confessare a loro del delitto, lo aveva fatto con il parroco che lo aveva invitato a costituirsi e a raccontare tutto. Queste versione di Torrente è al vaglio dei carabinieri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pisa, incidente mortale sull’Aurelia: un morto e tre feriti