Napoli, morto Rolandi: fondatore del Circolo di vela Canottieri

È morto Carlo Rolandi all’età di 94 anni, storico fondatore del Circolo Canottieri di vela. Presidente del circolo nautico dal 1972 al 1974, come ex velista vanta la partecipazione a 5 Olimpiadi. 

Lutto nel mondo della vela, è morto all’età di 94 anni Carlo Rolandi, socio fondatore-benemerito ed ex presidente dal 1972 al 1974 del Circolo di vela Canottieri. Nato a Napoli nel 1926, è stato protagonista nel mondo della vela italiano e internazionale. Achille Ventura, attuale presidente del circolo, si stringe intorno alla famiglia dell’ex socio. Il mondo della vela perde uno dei più grandi dirigenti a livello mondiale, nonché un’icona dello sport in generale. Rolandi, i cui funerali si terranno domenica 9 agosto alle 10 alla chiesa di Santa Lucia, aveva partecipato come atleta a ben 5 olimpiadi: Torquay, Melbourne, Roma, Tokio e Acapulco. Lascia due figli Adele e Luigi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Morto il giornalista Lorenzo Soria, presidente dei Golden Globes

Morto Carlo Rolandi: una vita dedicata alla Vela

barca a vela
barca a vela (pixabay)

È morto l’undicesimo presidente del circolo nautico Canottieri. La scomparsa di Carlo Rolandi lascia un vuoto incolmabile nel mondo della vela e dello sport. L’ex presidente onorario del Circolo di Vela Canottieri di Napoli, vanta una lunga carriera da dirigente e da sportivo. Per 16 anni nel consiglio direttivo della Federazione Mondiale della Vela, apprezzatissimo giudice internazionale, Rinaldi ha ricevuto la medaglia d’argento CONI al valore atletico e la stella d’oro CONI al merito sportivo. Nel 1997 gli è stato conferito il premio Beppe Croce come miglior dirigente internazionale, vinto da solo due italiani nella storia. Inoltre è uno dei pochi atleti ad aver partecipato a ben 5 olimpiadi , vincendo come atleta anche 5 titoli di campione d’Italia, 2 titoli di campione d’Europa nel 1959 e nel 1965, 1 di Francia e Germania.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Formula 1, la Ferrari non ci sta: presentato ricorso alla FIA