Coronavirus, primo positivo ai test a Fiumicino: rientrava da Malta

Primo caso di un positivo al coronavirus a Fiumicino, rientrato dalle vacanze individuato dai test: giovane in isolamento, tornava da Malta

Primo caso positivo all’aeroporto Fiumicino. Si tratta di un ragazzo abruzzese di ritorno da Malta con un volo Ryanair. A Roma si stanno svolgendo i controlli per individuare possibili positivi al coronavirus che fanno ritorno dalle vacanze. Le procedure messe in atto grazie ai medici Usmaf e Asl in funzione dal 16 agosto sui passeggeri in arrivo da Malta, Spagna, Grecia e Croazia danno già i primi frutti. In corso la notifica alla Asl abruzzese. Il giovane è stato avvisato telefonicamente e posto in isolamento. La Regione Lazio ha comunicato di aver avviato tutte le procedure di contact tracing.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, Miozzo-Cts:lockdown inevitabile se crescono i contagi

Coronavirus, rientri dalle vacanze: test all’aeroporto Fiumicino

fiumicino
fiumicino (gettyimages)

Il ragazzo abruzzese positivo al coronavirus, è il primo caso che emerge grazie ai controlli disposti presso l’aeroporto di Fiumicino. A renderlo noto, l’Unità di Crisi anti Covid-19 della Regione Lazio. A lavoro da ieri, 16 agosto, ci sono 40 medici pronti a effettuare i controlli su tutti i viaggiatori che rientrano in Italia dopo essere stati in Paesi a rischio, per la precisione: Malta, Spagna, Grecia e Croazia. Nel frattempo, proseguono i tamponi alle postazioni drive-in, adesso aperti 7 giorni su 7. Tantissimi automobilisti ieri in coda a San Giovanni per sottoporsi al test. Una decisione, quella di tamponare tutti i viaggiatori che rientrano dopo essere stati nei Paesi ad alto rischio di infezione, che potrebbe rivelarsi decisiva. Da monitorare soprattutto la situazione riguardante i ragazzi che stanno facendo ritorno dopo essere stati nelle località a rischio. L’aumento dei positivi a causa della movida e dei viaggi all’estero dei giovani, in alcune regione, tocca il 40%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus Padova, bambina di 5 anni intubata: patologia a sangue e reni