Colpo di stato in Mali: militari arrestano il presidente

Un gruppo di soldati ribelli del Mali ha arrestato il presidente e il primo ministro. Macron condanna il colpo di stato.

Dall’alba di questa mattina il Mali è in preda ad una grave crisi. Un gruppo di militari di Kati, a 15 km dalla capitale Bamako, ha aver arrestato il presidente Ibrahim Boubacar Keita e il premier Boubou Cissé. Secondo i ribelli i due politici sono stati scortati a Kati su un veicolo militare. La ribellione è cominciata nelle prime ore del mattino quando alcuni testimoni hanno riportato di aver sentito spari provenienti dalla base militare di Soundiata Keita. Alcuni veicoli pesantemente armati infatti hanno sparato contro i militari che hanno risposto al fuoco. Quando il fuoco si è fermato i ribelli hanno saccheggiato i depositi di armi. In questo tentativo di colpo di stato sembra che i golpisti abbiano preso in ostaggio anche i ministri degli Esteri e delle Finanze, oltre al presidente del Parlamento.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo caso di coronavirus alla Maddalena: 450 persone bloccate

Colpo di stato in Mali, la reazione internazionale

mali colpo di stato
Colpo di stato in Mali, arrestato il presidente (Getty Images)

Il tentato colpo di stato in Mali ha ovviamente suscitato molte reazioni a livello internazionale. La Comunità degli Stati dell’Africa Occidentale, che in Mali ricopre il ruolo di mediatrice, ha pubblicato un comunicato in cui esprime grande preoccupazione. Il comunicato prosegue invitando i militari a rientrare nelle caserme e condannando ogni cambiamento politico che vada contro la Costituzione. Anche le Nazioni Unite stanno seguendo la vicenda: l’ONU infatti ha una missione attiva nel paese dal 2013 con lo scopo di mantenere la pace. Molte ambasciate europee stanno invitando i propri connazionali presenti a Bamako a rimanere in casa fino a nuovo avviso. Gli italiani che si trovassero in Mali devono contattare l’ambasciata in Senegal, nella capitale Dakar. Il presidente francese Emmanuel Macron ha immediatamente contattato i capi di Stato dei paesi confinanti e ha condannato il golpe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Svizzera, guasto alla fabbrica Lindt: piove cacao sul paese