Coronavirus, il Veneto non vuole le mascherine a scuola: “Una tortura”

Coronavirus, il Veneto dice no all’uso delle mascherine a scuola. L’assessore regionale Elena Donazzan è contraria: “Una tortura”

Coronavirus, il Veneto dice no all’uso delle mascherine a scuola. Non ci sta particolarmente l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan che è contraria. “Una tortura”, dice, promettendo che farà di tutto affinché questa non sia una regola che valga per i ragazzi veneti.

Questo no nasce dopo le disposizione rese note dal Comitato tecnico scientifico che nelle sue linee d’indirizzo ha stabilito che a scuola, dai sei anni in poi, bisogna usare la mascherina. L’assessore in quota Fratelli D’Italia sostiene di aver svolto le ricerche necessarie in campo medico e di aver avuto un confronto anche con esperti del settore, mettendosi di traverso al Comitato.

Elena Donazzan, però, non è contraria all’uso del dispositivo quando potrebbero crearsi assembramenti come all’orario di ingresso, di uscita o durante la ricreazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bollettino Covid 19 agosto: 642 i nuovi casi positivi

Coronavirus, Veneto contro le mascherina a scuola: “Anche Zaia è d’accordo”

Cornavirus mascherine veneto
Elena Dorazzan, assessore istruzione regione Veneto (foto web)

A poche settimana dall’inizio dell’anno scolastico non mancano le polemiche su come stare a scuola. Elena Donazzan regionale del Veneto ha detto dichiarato di non parlare solo in qualità di titolare dell’Assessorato all’istruzione, ma a nome dell’ente regionale, sostenendo che è d’accordo anche il governatore Luca Zaia che da mesi porta avanti una campagna nella quale invita ad utilizzarla.

Se l’uso della mascherina può essere consentito quando potrebbero crearsi assembramenti, la Donazzan è assolutamente contraria all’uso durante le lezioni: è una cosa diversa “tenerla sei ore di fila in una classe in cui è assicurato il distanziamento sociale”, ha detto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus: a Bergamo 17enne in gravi condizioni, era stato a una festa