Coronavirus: a Bergamo 17enne in gravi condizioni, era stato a una festa

Coronavirus Bergamo: 17enne in gravi condizioni, era stato a una festa a Ferragosto e lì potrebbe aver contratto il virus

Coronavirus a Bergamo, sono gravi le condizioni di un ragazzo di diciassette anni ricoverato ora al Policlinico di Milano in terapia intensiva pediatrica. Il giovanissimo aveva partecipato a una festa a Ferragosto, ad Albano Sant’Alessandro, e lì si sarebbe ammalato di Covid-19.

Secondo L’Eco di Bergamo, il ragazzo era arrivato martedì al pronto soccorso di Seriate con sintomi gastrointestinali e febbre. Sottoposto a tampone, il 17 enne è risultato positivo. Purtroppo man mano le sue condizioni si sono aggravate ed è stato necessario trasferirlo a Milano.

A questo punto è scattato subito l’allarme e le autorità, con l’aiuto di familiari e amici, hanno tracciato gli spostamenti e le frequentazioni del ragazzo nei giorni precedenti alle accuse dei sintomi. Così è emerso che c’è stata quella festa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bollettino Covid 19 agosto: 642 i nuovi casi positivi

Coronavirus, ancora delicata la situazione in Lombardia

Matrimonio con Coronavirus
Si attendono gli esiti del tampone

Mappando tutti gli spostamenti del ragazzo, gli amici hanno raccontato che a Ferragosto ha partecipato con alcuni di loro a una festa ad Albano Sant’Alessandro.

Così la Ats ha contattato altre persone che sono a rischio contagio. In tutto sono ventitré e nella giornata di oggi saranno sottoposte al tampone.

Secondo il bollettino di ieri la Lombardia resta ancora una delle zone con il più alto rischio. Stando a numeri ufficiali, il 19 agosto si sono registrati al novantuno nuovi casi e quattro decessi.

Ma non mancano le polemiche in merito ai tamponi: “A cinque mesi dalla fine dell’emergenza la Regione Lombardia non è ancora in grado di gestire qualche migliaio di tampone” ha detto Stefano Fusco, portavoce e vice presidente del comitato dei parenti delle vittime “Noi denunceremo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> In Australia obbligatorio il vaccino per il coronavirus