Bollettino coronavirus 22 agosto, superati i 1000 contagi

Il bollettino del 22 agosto sull’epidemia di coronavirus mostra una crescita dei contagi: sono 1071 nelle ultime 24 ore.

Il Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo bollettino sull’epidemia di coronavirus con i dati aggiornati al 22 agosto. I dati raccolti dal Ministero mostrano che i contagi sono ancora in crescita: nelle ultime 24 ore infatti i nuovi positivi sono 1071. Sono 243 le persone guarite in un giorno, ma purtroppo si contano ancora 3 decessi nel Paese dovuti al Covid. Le persone attualmente ancora positive al coronavirus sono più di 17mila. Tornano a calare i ricoverati in terapia intensiva, mentre aumentano leggermente i ricoveri in reparto.

LEGGI ANCHE >>> Roma, nuovi incendi nella Capitale tra Nuovo Salario e Rocca Cencia

Bollettino coronavirus 22 agosto: casi in crescita, ma niente panico

bollettino coronavirus 22 agosto
Bollettino coronavirus, più di 1000 nuovi casi in 24 ore (Getty Images)

Il bollettino del 22 agosto sull’epidemia di coronavirus segnala che i contagi sono nuovamente tornati sopra quota 1000 al giorno. Tuttavia i dati non sono paragonabili a quelli che avevamo durante il lockdown o nelle prime settimane dopo la sua fine. I nuovi contagi infatti sono in grandissima parte persone asintomatiche che hanno fatto il tampone dopo essere state in contatto con persone risultate positive. A dimostrare questa teoria basta il numero dei ricoveri giornalieri sia in reparto che soprattutto in terapia intensiva. Questi numeri infatti sono rimasti sempre più o meno stabili. Anche il numero di tamponi in 24 ore è decisamente superiore adesso rispetto ai mesi più critici dell’emergenza. Ci troviamo quindi in una situazione che è sicuramente ancora da tenere sotto controllo anche grazie a norme come l’obbligo della mascherina e del distanziamento sociale. Non bisogna però farsi prendere dal panico: un nuovo lockdown sembra un’ipotesi davvero molto lontana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, traghetto bloccato per 5 ore a Genova: c’è un caso sospetto