Orso “Papillon M49”: ritrovato il collare, continua la fuga dell’animale

L’orso M49, soprannominato “Papillon” a luglio è fuggito per la seconda volta e ora è anche libero dal collare, rendendo le ricerche più difficili

L’orso M49, soprannominato “Papillon“, prosegue nella sua fuga verso la libertà. L’animale ora si è liberato anche del collare per geolocalizzarlo e tutto ciò rende sempre più difficile ritrovarlo.

La storia di M49 diventa sempre più intrigante, quasi un racconto di libertà simile a una fiaba per bambini dal momento che ha come protagonista un animale che ha mostrato di non aver paura di “affrontare” l’uomo. Pappilon, infatti, a luglio scorso è scappato per la seconda volta dal recinto di Casteller, in Trentino.

In un comunicato della Provincia Autonoma di Trento, si è reso noto che l’animale è sempre stato monitorato, per riacciuffarlo e per evitare incidenti, ma che dal 16 agosto il segnale che arrivava dal collare era scarso per la bassa copertura della zona dove si trovava l’animale, il Passo 5 croci – Val Cion. Poi il giorno 19 agosto, l’ultima segnalazione, in Val Ciotto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, aumentano i contagi. Crisanti: “300 mila tamponi al giorno”

Orso “Papillon M49” in fuga per la seconda volta. Ora ricerche più difficili

 

M49 fece parlare la prima volta di sé. Nel 2019 riuscì a fuggire dal recinto trentino di Casteller. La sua “latitanza” durò un anno e prima dell’estate, a fine aprile scorso, fu riacciuffato e riportato nello stesso recinto.

Dopo aver assaggiato la libertà, l’orso non si arrese e circa un mese fa Papillon – soprannome più che meritato – riuscì a fuggire clamorosamente per la seconda volta. Ora, non avendo neanche il collare, è ancora più libero e difficile da rintracciare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente sulla A1, Tir si ribalta a Caserta: il bilancio