Coronavirus, Miguel Bosè “negazionista”: bloccato da Twitter

Il cantante e attore Miguel Bosè bloccato da Twitter: diffondeva fake news sul coronavirus e invitava a partecipare a “strane” manifestazioni.

Un altro volto noto della tv al centro della polemica in relazione alla vicenda del coronavirus. Ormai sembra essere diventata a tutti gli effetti una telenovela. Ogni tanto, in giorni differenti tra loro, un cantante, un attore o, appunto, un personaggio noto all’opinione pubblica si “diverte” a spararla grossa su una delle situazioni più catastrofiche del terzo millennio: la pandemia da coronavirus. Questa volta è il turno di Miguel Bosè, famosissimo cantante e attore spagnolo. Quest’ultimo utilizzava il suo profilo Twitter per diffondere fake news sul Covid. Dal canto alla “critica” sulle mascherine. Bosè è stato bloccato perché facente parte di quel ramo di persone “etichettate” come negazionisti e diffusori di notizie false su una vicenda strettamente legata alla salute pubblica. L’ultimo video gli è costato “la vita sui social”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chanel Totti, scandalo Gente: duro provvedimento per la direttrice

Miguel Bosè bloccato da Twitter: incitava a partecipare a “strane” manifestazioni

L’ultimo atto che ha attivato la sospensione del profilo di Miguel Bosè da Twitter è in relazione a un video postato dallo stesso cantante. Bosè incitava a partecipare a una manifestazione, indetta a Madrid, contro l’utilizzo della mascherina. Il cantante spagnolo ha (o a questo punto aveva) un folto seguito su Twitter: ben 3,1 milioni di followers. Un numero davvero importante per non poter passare inosservato con le sue esternazioni. Opinioni personali che si ripetono ormai nel tempo: il cantante usa anche Instagram per dire la sua contro i vaccini anti Covid-19. Insomma, da qualche giorno a questa parte rischia davvero grosso.

La storia di Miguel Bosè, tra le altre cose, è abbastanza, se non del tutto singolare. L’attore, a metà marzo, ha perso proprio la madre, Lucia Bosè, a causa di un’infezione da coronavirus. L’unica nota che va spesa in suo “favore” è quella sulla propria salute: Bosè soffre d’asma ed è in possesso di un’esenzione medica sull’uso della mascherina. Questo, però, non gli permette di diffondere fake news su un problema d’ordine primario e mondiale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus in Francia, grande focolaio in campo nudista