Coronavirus in Francia, grande focolaio in campo nudista

Coronavirus in Francia, grande focolaio nel campo nudista di Cap d’Agde: sono oltre cento i positivi accertati, ma potrebbero essere di più

Coronavirus in Francia, in un campo nudista di Cap d’Agde, vicino Beziers, è stato scoperto un grande focolaio: sono oltre cento i positivi finora accertati, ma potrebbero essere molti di più visto che le autorità sanitarie locali parlando della situazione hanno detto che è “molto preoccupante”.

Lle persone certamente contagiate hanno avuto contatti con altre 330 e sono già state contattate dalle autorità e sottoposte al tampone, i cui risultati dovrebbero arrivare a breve.

Già la settimana scorsa erano stati fatti dei tamponi per chi era stato ospite nel resort naturalista e in un comunicato gli enti locali avevano fatto sapere che su 800 persone, il 30% era risultato positivo.

Questa notizia arriva proprio mentre la Francia deve fare i conti con una nuova ondata che ha portato all’aumento esponenziale del numero dei contagiati in tutto il paese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino coronavirus, al via oggi a Roma la sperimentazione sull’uomo

Coronavirus in Francia, negli ultimi giorni migliaia di nuovi casi

bollettino coronavirus 22 agosto
(Getty Images)

Due giorni fa la Francia aveva registrato un aumento ben 4586 nuovi casi registrata in sole ventiquattro ore. Nella giornata di ieri il numero dei nuovi contagiati è stato ancora altissimo con 4897 persone che hanno contratto il virus.

Per le autorità francesi, però, il numero così alto è frutto solo dell’aumento dei tamponi effettuati e quindi non c’è al momento il rischio di un nuovo lockdown come quello della scorsa primavera. Al massimo, in caso di necessità, saranno istituite solo delle zone rosse locali.

Ma sul fatto che il numero dei contagiati sia più alto solo perché vengono effettuati più tamponi,non tutti sono d’accordo. Secondo il ministro della Salute Oliver Veran, in tutto il paese ogni settimana vengono effettuati 700 mila tamponi, ma per gli esperti questo non è l’unico motivo dell’incremento dei casi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cogliate, incendio in casa: 2 bambini rimasti intossicati – VIDEO