Villa Alberto Sordi in vendita: una cifra da capogiro per acquistarla

La villa di Alberto Sordi è stata messa in vendita. Prima di appartenere all’attore romano, lo splendido immobile a picco sul mare ha avuto anche un altro illustre proprietario.

La spettacolare villa di Alberto Sordi, a picco sulla meravigliosa Costa degli Etruschi, a Castiglioncello, in provincia di Livorno, Toscana, è stata messa in vendita ad una cifra da capogiro. La villa, oltre ad Alberto Sordi, ha avuto anche un altro proprietario illustre, si tratta del pittore ritrattista Vittorio Corcos.

L’artista, di origini ebraiche, nacque a Livorno e frequentò l’Accademia di belle arti di Firenze. Nel 1880 si trasferì a Parigi. Tornato a Firenze sette anni dopo, entrò in contatto con Giosuè Carducci e Gabriele D’Annunzio, per poi approdare alla Galleria degli Uffizi.

L’immobile, costruito nel 1895, in seguito alla morte del pittore fu abitata dalla figlia, per essere successivamente acquistata da Alberto Sordi, nel 1962. All’interno della villa sono presenti due affreschi, uno nello studio e un’altro nella camera da letto, ognuno dei quali ricorda i due illustri proprietari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Ed Sheeran diventa papà, nata la figlia Lyra Antarctica – FOTO

Villa Alberto Sordi: un gioiello alla portata di poche tasche

Alberto Sordi
Alberto Sordi (Getty Images)

La villa conta ben 10 camere da letto e altrettanti bagni, mille metri quadrati interni e 4 mila di terreno, una terrazza con vista sul mare da 600 metri quadrati, una piscina con acqua salata e un accesso diretto in spiaggia. L’annuncio della vendita immobiliare è stato pubblicato da Engel & Völkers, la nota agenzia per la vendita di immobili di lusso, la cifra richiesta è di 6 milioni di euro.

La villa contiene pregiate finiture e mobili d’epoca. Oltre agli affreschi presenti in ogni stanza e una terrazza panoramica con affaccio sul mare, da segnalare anche la presenza di una sala da biliardo e una biblioteca con camino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Coronavirus, Regno Unito: nuova ondata potrebbe causare più vittime