Bologna, orge con minorenni e cocaina: sei indagati, c’è anche un ex candidato

Indagine coordinata dalla Procura di Bologna ha svelato un giro di serate proibite nella città: orge con minorenni e cocaina, sei indagati, c’è anche un ex candidato

Orge con minorenni e cocaina. Era questo il tema delle serate che vedeva come protagonisti alcuni personaggi della Bologna bene. Un giro che la Procura della città emiliana ha fatto venire alla luce e ha smantellato. Sono sei gli indagati, secondo quanto si legge su Repubblica: c’è un noto avvocato civilista e anche il socio di un ristorante molto famoso del centro. Agli arresti domiciliare è finito anche un ex candidato alle elezioni Regionali con il centrodestra, che aveva già tentato in passato di farsi eleggere nelle fila di Forza Italia.

LEGGI ANCHE >>> Morto Erick Morillo: dj e producer re della musica House, aveva 49 anni

Bologna, arresti per giro di prostituzione e cocaina

Atti sessuali con minorenni, cessione di stupefacenti a minori, induzione e sfruttamento della prostituzione minorile. Sono questi i capi di accusa che si sono visti notificare gli indagati. Uno di loro, un imprenditore proprietario di una delle ville dove si tenevano i festini a luci rosse, è finito in carcere. L’indagine è partita dalla denuncia della madre di una delle ragazzine coinvolte nelle serate proibite.

Un video in cui la giovane vittima era ripresa mentre faceva sesso con un gruppo di uomini più grandi. Proprio sul sesso in cambio di droga o comunque di piccoli regali erano incentrate le serate che si sono tenute da ottobre 2019 a febbraio.  Le minorenni erano prese in città e portate in queste ville dove si tenevano i festini a base di sesso e droga. Sei le misure cautelari disposte dalla Procura di Bologna e notificate dai Carabinieri che nella giornata di ieri hanno anche eseguito alcune perquisizioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Carabinieri Piacenza, si allarga l’indagine: ascoltati altri sei nomi