Carabinieri Piacenza, si allarga l’indagine: ascoltati altri sei nomi

Si allarga l’indagine legata al Carabinieri di Piacenza. Dopo l’arresto di Montella e soci, che avevano creato un giro d’affari legato allo spaccio, ascoltati altri sei colleghi.

L’inchiesta legata ai Carabinieri di Piacenza si allarga a macchia d’olio. Dopo l’arresto di due settimane fa di Montella e i suoi colleghi della caserma Levante del capoluogo emiliano, si allunga l’elenco delle persone interrogate. Sarebbero al vaglio degli inquirenti altri cinque o sei nomi, che probabilmente sono direttamente coinvolti nella vicenda. Sarebbero stati parte attiva nello spaccio di droga o nelle violenze di cui gli altri carabinieri già sottoposti ad arresto sono stati accusati. Per i presunti illeciti commessi, quindi, ci sono altri indagati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Beirut, tra i feriti anche un italiano. Le sue condizioni

Carabinieri Piacenza: gli indagati tutti in servizio nella cittadina emiliana

Rispetto all’appuntato Peppe Montella, che sarebbe la mente criminale dietro al giro di spaccio e violenze  che ha portato all’arresto suo e di altri colleghi, le posizioni dei nuovi carabinieri ascoltati sarebbero più marginali. Ciò comunque non toglie che ci potrebbero essere altre persone coinvolte nella vicenda che ha colpito la caserma Levante di Piacenza, attualmente sotto sequestro.
Tra gli altri carabinieri già arrestati, oltre a Montella, figura anche il comandante, il maresciallo Marco Orlando.
Nei prossimi giorni comunque gli inquirenti interrogheranno anche i nuovi indagati. Come persone informate sui fatti, inoltre, potrebbero essere ascoltati anche alcuni ufficiali dei carabinieri che negli ultimi anni hanno prestato servizio a Piacenza.

Aggiornamenti importanti in merito sono attesi nei prossimi giorni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Beirut, il video della violenta esplosione