Covid 19, ecatombe al Boca Juniors: il calcio argentino torna a tremare

Una serie di casi di Covid 19 davvero preoccupante all’interno del Boca Juniors: il comunicato del club mette in discussione tutto il sistema calcio argentino

Un comunicato che, inevitabilmente, fa tremare tutto il calcio argentino. Il Boca Juniors ha diramato una nota stampa in cui annuncia che ben 18 dei suoi calciatori sono attualmente positivi al Covid 19. Un’ecatombe nel vero senso della parola, una piaga che naturalmente coinvolge l’intera squadra e desta enorme preoccupazione nell’intero sistema del fùtbol nel Paese sudamericano. Avere 18 contagiati in una sola squadra rende l’idea che il coronavirus è ancora parecchio contagioso e che al momento non ci sono le condizioni né per allenarsi né per poter giocare, se non a lunga scadenza. “Il Boca Juniors comunica che i calciatori della prima squadra hanno effettuato tamponi PCR – si legge nella nota del club – Otto di essi sono asintomatici, mentre dieci calciatori presentano sintomi lievi”.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Bollettino Covid, terapie intensive: il dato che mette in allarme

Covid 19 al Boca Juniors: la situazione in Argentina

Covid 19 Argentina Boca Juniors
Un tifoso del Boca (Getty Images)

Una notizia che ovviamente scuote non solo il Boca Juniors, ma tutto il calcio argentino. Il club nel comunicato ha specificato che i calciatori positivi al Covid 19 “Rispetteranno le norme di isolamento sanitario indicate dai protocolli e saranno sottoposti a esami ECG prima del reintegro in rosa”. Ma naturalmente è un problema anche in vista delle prossime partite, e non solo per ciò che concerne il campionato argentino. Il Boca Juniors, infatti, è atteso ad una sfida di Copa Libertadores contro il Libertad. Difficile capire se ci saranno le condizioni per poterla disputare. In generale la situazione coronavirus in tutta l’Argentina resta comunque molto preoccupante. Le autorità locali hanno imposto la quarantena su tutto il territorio nazionale fino al 20 settembre. È possibile uscire dalla propria abitazione solo per l’approvvigionamento di generi alimentari e sanitari mentre ogni altro tipo di spostamento è vietato.