Coronavirus, Italo in crisi: nuovo taglio delle corse in arrivo

Il coronavirus sta mettendo in grande difficoltà Italo, che potrebbe tagliare ancora 15 corse a settimana.

La crisi economica legata alla pandemia di coronavirus si fa sentire sempre di più. Il settore più colpito è quello dei trasporti, soprattutto ferroviari, anche a causa delle norme di distanziamento sociale a bordo. Proprio per questo motivo NTV, la società che gestisce Italo, è in grave crisi finanziaria. La compagnia infatti risente della mancanza dei clienti Business, che acquistavano i biglietti più costosi. Anche la grandissima diminuzione del numero di turisti stranieri pesa sui bilanci della società. Per questo motivo i vertici di NTV sarebbero pronti a tagliare nuovamente le corse settimanali. Probabilmente già dalla prossima settimana salteranno 15 corse delle 87 previste: prima del Covid i treni in movimento erano 111.

LEGGI ANCHE >>> Assegno unico ai figli al via da gennaio: chi ne ha diritto

Italo, con il coronavirus rischio fallimento?

italo coronavirus
Italo, in arrivo nuovi tagli alle corse (Getty Images)

La situazione di NTV, la società che gestisce i treni Italo, diventa sempre più pesante. I vertici della compagnia infatti avevano previsto che la crisi economica dovuta alla pandemia di coronavirus avrebbe avuto un impatto di 200 milioni di Euro sui bilanci. Ora però sembra che la situazione stia peggiorando: la limitazione della capienza massima sui treni al 50% dei posti sta colpendo duramente il settore. Se entro settembre non ci saranno novità in merito il rischio è quello di andare verso mesi di crisi ancora più grave. Questo potrebbe mettere in dubbio la sopravvivenza stessa di NTV, che al momento dà lavoro a circa 1.500 persone. Il Ministero dei Trasporti ha fissato un incontro con i manager della società, per cercare di trovare insieme una soluzione per salvaguardare la compagnia e garantire allo stesso tempo la sicurezza dei passeggeri. Alcuni sviluppi potrebbero arrivare già nelle prossime ore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Messico, decapitato un giornalista del quotidiano El Mundo