Colleferro, possibili nuovi indagati per l’omicidio di Willy Monteiro

La Procura potrebbe indagare nuove persone per l’omicidio di Willy Monteiro, avvenuto domenica a Colleferro.

Continuano le indagini dei Carabinieri sull’omicidio di Willy Monteiro Duarte, massacrato di botte a Colleferro nella notte di domenica 6 settembre. Al momento gli indagati sono quattro: Gabriele e Marco Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, l’unico ai domiciliari perché ha collaborato con le autorità. Gli investigatori però stanno interrogando altre persone presenti sul luogo dell’omicidio e che, secondo la Procura di Velletri, potrebbero aver preso parte al pestaggio. Se le testimonianze raccolte fossero confermate, l’accusa passerebbe da omicidio preterintenzionale a omicidio volontario. Nel frattempo l’autopsia svolta sul corpo del giovane Willy ha confermato che il violento pestaggio ha causato uno shock traumatico e l’arresto cardiaco fatale. Il referto del medico legale ha anche evidenziato le numerose lesioni a collo, braccia, schiena e torace.

LEGGI ANCHE >>> Pestaggio WIlly a Colleferro, raccolta fondi per la famiglia

Omicidio Colleferro, sabato i funerali di Willy Monteiro

omicidio willy colleferro
Uno striscione in memoria di Willy Monteiro (Twitter)

L’omicidio di Willy Monteiro, massacrato di botte a Colleferro nella notte tra sabato e domenica, ha sconvolto il comune dei Castelli Romani. Il sindaco di Paliano Domenico Alfieri ha confermato con un post su Facebook che i funerali del 21enne ucciso si svolgeranno sabato 12 settembre. Il rito funebre si svolgerà al Campo Sportivo Comunale per permettere una maggiore presenza di persone. L’organizzazione dell’ultimo saluto a Willy Monteiro verrà gestità in collaborazione con la Questura. Il motivo è la necessità di far rispettare le regole per la prevenzione del coronavirus. La famiglia ha chiesto a chi parteciperà al funerale di non fare foto né riprese: per questo motivo le televisioni non saranno presenti a Paliano. Il sindaco ha concluso il suo lungo post invitando le persone a rispettare le richieste della famiglia e le normative di contrasto all’emergenza sanitaria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Covid punizione divina per gay”: il sacerdote ora è positivo