Avvocata regala un buono per il divorzio alla praticante che si sposa

Succede a Santa Maria Capua Vetere: un’avvocata ha regalato un buono per un divorzio alla praticante che si sposa.

Il numero di divorzi e separazioni in Italia è in costante aumento, soprattutto nei primi tre anni di matrimonio. Per questo motivo l’avvocata Carmen Posillipo ha deciso di fare un regalo molto particolare alla propria praticante, in procinto di sposarsi. Si tratta di un vero e proprio buono per una separazione consensuale, valido per i primi tre anni di matrimonio. L’avvocata Posillipo, che ha uno studio a Santa Maria Capua Vetere, ha spiegato che il regalo è un po’ una provocazione, un po’ un gesto scaramantico. La preoccupazione di fondo però è reale: il costo di una separazione, anche consensuale, spesso è davvero molto alto. Se il matrimonio supererà indenne i primi tre anni, la donna ha già dichiarato che convertirà il buono in denaro.

LEGGI ANCHE >>> Sciopero scuola 24-25 settembre: i motivi dello stop

Buono per un divorzio: quanto costa separarsi oggi in Italia

buono divorzio caserta
Caserta, regala un “buono divorzio” alla praticante che si sposa (Pixabay)

La notizia dell’avvocata di Santa Maria Capua Vetere che ha regalato un “buono” per un divorzio alla praticante in procinto di sposarsi certamente strappa un sorriso. Tuttavia la situazione di matrimoni e separazioni in Italia mette in evidenza un quadro decisamente costoso. La legge che introduce il divorzio in Italia infatti risale al 1970 e l’unica modifica sostanziale alla legge è datata 2015. Con l’introduzione del “divorzio breve” la procedura è diventata più agevole, ma i costi non sono cambiati molto. Nel caso in cui non ci siano figli minorenni o non autosufficienti è possibile separarsi anche in comune o davanti al Presidente del Tribunale, pagando semplicemente le imposte di bollo. Se invece la separazione non è consensuale entrano in gioco le parcelle degli avvocati: i costi possono arrivare fino a 5.000 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid a scuola: altri due casi negli istituti italiani. La situazione