L’Italia in missione sulla Luna: firmato accordo con la Nasa

L’Italia ha firmato l’accordo con la Nasa e andrà in missione sulla Luna. L’investimento è di un miliardo di euro

Nasa
Nasa (foto Gettyimages)

Ormai la Luna non è più lontana e questa volta nemmeno per l’Italia. E’ stato firmato un accordo live a Roma e Washington che mette in prima linea anche il nostro Paese e ad attestarlo è il documento sottoscritto da NasaJim Bridenstine, amministratore, e da Riccardo Fraccaro, il sottosegretario con delega alle politiche aerospaziali.

L’Italia sarà coinvolta in tre direzioni. Una è legata alla costruzione del laboratorio e luogo in cui vivranno gli astronauti, la seconda è legata alla possibilità di ricerche che verranno effettuate nella base grazie al supporto di scienziati specializzati in diverse materie. La terza e ultima, riguarda la realizzazione di sistemi di telecomunicazione sia in superficie che intorno alla Luna.

Il programma della NASA in questione si chiama Programma Artemis ed è previsto per il 2024 e coinvolgerà una donna e un uomo. Quello che avverrà tra quattro anni sarà solo l’inizio perché il progetto prevede un insediamento fisso nell’arco di poco tempo, ma nel frattempo ci sarà la costruzione di una stazione lunare Gateway per rendere le operazioni più semplici. A questa prenderanno parte Russia, Giappone, Canada ed Europa.

Potrebbe interessarti anche -> NASA, asteroide potrebbe colpire la Terra a Novembre: rischio minimo

Una grande opportunità per l’Italia

Luna Italia
Luna (foto gettyimages)

Un progetto molto importante anche per l’Italia e non soltanto perché si troverà coinvolta in modo ravvicinato, ma anche perché darà la possibilità di lavorare a molte aziende. A dichiararlo è lo stesso Fraccaro che sostiene come questa spedizione darà lavoro non soltanto alle grandi realtà impegnate in questo settore, ma anche alle piccole e medie società che non avevano mai preso in considerazione questa opportunità.

A fine ottobre usciranno i bandi con i relativi requisiti per poter partecipare e in tal proposito, l’amministratore delegato di Leonardo ha spiegato l’importanza di questo progetto e ha dichiarato che l’azienda sta già lavorando per la prossima stazione lunare, senza nascondere che il prossimo obiettivo è Marte.