Incidente mortale in scooter, coinvolto un consigliere regionale

E’ successo a Livorno, un incidente mortale che ha troncato la vita di un 73enne. Ora è indagato il consigliere regionale, la vittima era un volontario della Misericordia.

incidente mortale
Incidente stradale (fonte pixaby)

Roberto Zagni, pensionato di 73 anni, ha perso la vita questa mattina a Livorno. L’uomo è stato investito da un suv, alla guida c’era il consigliere del Pd Francesco Gazzetti. Il consigliere è indagato per omicidio stradale. Roberto era un volontario della Misericordia, che proprio a seguito dell’impatto stava passando in quell’incrocio. I volontari sono scesi e hanno prestato soccorso praticando le manovre di rianimazione. Purtroppo per Zagni non c’è stato nulla da fare.

L’incidente mortale è avvenuto a Livorno poco prima delle otto, la vittima era a bordo del suo scooter quando il suv l’ha investito. L’impatto è avvenuto all’incrocio di via Sabatino Lopez, l’uomo è sbalzato sull’asfalto ed ha perso subito conoscenza. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>> Incidente drammatico: due auto si scontrano, c’è una vittima

Consigliere del Pd indagato per omicidio stradale, tragedia a Livorno

Incidente stradale
Una macchina dei carabinieri (Getty Images)

Sono ore difficilissime per la comunità di Livorno, il consigliere del Pd Francesco Gazzetti è indagato per omicidio stradale. La vittima aveva 73 anni ed era un pensionato, volontario per la Misericordia. Il consigliere ha scritto un messaggio di cordoglio per la famiglia della vittima, esprimendo la sua sofferenza e vicinanza in queste difficili ore. Rivolge un pensiero anche a tutti i compagni e volontari che facevano parte della Misericordia ed erano amici di Roberto.

Anche la Misericordia ha voluto mandare un messaggio a Roberto, venuto a mancare in seguito ad un incidente stradale. Il post ricordo pubblicato su Facebook ha commosso tutti. L’associazione lo ricorda come una persona molto umile che è entrata in punta di piedi nell’associazione per poi diventare uno dei più importanti entrando a far parte del Consiglio Direttivo. “Robertone” come lo chiamavano i volontari più giovani era molto amato e spesso faceva i turni notturni dedicando molto del suo tempo libero al volontariato.