La pasta col grano Senatore Cappelli: più benessere meno pesantezza

Esiste un tipo di pasta molto particolare che ha a che fare con un grano speciale: benefici e svantaggi di una storia viva dal lontano ‘900

Pasta col grano  Senatore Cappelli (Foto dal web)

Con quanti tipi di pasta abbiamo a che fare ogni giorno? Faremmo fatica a contarli sulle dita di una mano. Dagli elicoidali agli spaghetti, passando per penne e ziti. Tante varietà di forme e quasi tutte con un elemento in comune: il grano.

La differenza che conosciamo tra casa Barilla, piuttosto che la Garofalo o la Voiello la distinguiamo in base alla qualità del prodotto inscatolato. Di solito sulle tavole degli italiani arriva un granoturco 100% di proprietà tricolore, ma caratterizzato da un alto contenuto proteico e un’elevata quantità di glutine e sali minerali.

Tutte componenti caratteristiche che rendono unica e speciale la pasta del territorio del Belpaese, veicolo di transizione tra un Paese dell’Unione Europea e un altro del Resto del Mondo. Ma chi ha ascoltato la tv negli ultimi giorni ha potuto constatare l’esistenza di una tipologia di pasta, tanto caratteristica, quanto poco pubblicizzata

LEGGI ANCHE —–> Vellutate di stagione: idee di ricette veloci ed economiche

La specialità “Cappelli”: difetti, pregi e da dove deriva

Crisi del Grano
Campo di grano (Getty Images)

Il conduttore di Report, il docu-show televisivo in onda su Rai 3 ha pensato bene di discutere e portare in superficie, un tipo di pasta molto particolare. La nascita del grano ha radici nobili e deriva dalla coltivazione e la sperimentazione di una mente saggia tra i senatori dell’epoca fascista.

Parliamo del senatore Raffaele Cappelli, da cui nasce il nome commerciale. Si tratta di un tipo di pasta che da un punto di vista produttivo ha diversi difetti. Tra questi figurano le anomalie derivanti dalla semola di granoduro, che più invecchia, più ne risente di qualità. Un altro dettaglio che la trascura sul mercato è senz’altro la redditività del prodotto, sia in termini di produzione, circa 40/50 quintali in meno alla “normale”, che di costo al pubblico. Si parla infatti di 60/80 euro al quintale, in quanto di rara produzione. Ed è per questo che gli analisti di Report le hanno dedicato una puntata ricca di elementi di cronaca, risalenti all’Antitrust, il quale Ente ha deciso di sanzionare produttori e commercianti con multe salatissime, a causa dell’ingiustificato aumento del prezzo.

LEGGI ANCHE —–> Polpette con noci e senape: una ricetta ricca di gusto

rischio alimentare ritirati prodotti mercato
Dolori di stomaco a causa di prodotti alimentari (Fonte Facebook)

Nonostante le “calunnie” commerciali e produttive, resta il fatto che la pasta del Senatore Cappelli vanta di tanti pregi e privilegi, ai molti nascosti. L’utilizzo in tavola produce effetti benefici, in grado di contrastare chi ha disturbi gastointestinali. Riduce dunque drasticamente le sintomatologie più comuni dell’organismo, quando si mangia la pasta, come mal di testa, gonfiore allo stomaco e dolori articolari, favorendone la digeribilità