4 curiosità su Sean Connery: dai Rangers di Gattuso al ‘Postino’ di Troisi

A 90 anni scompare il grande attore Sean Connery, ecco 4 curiosità che forse non conoscevate sull’attore scozzese: da Gattuso al capolavoro di Troisi

Sean Connery (Immagine da Instagram)

Oggi, all’età di 90 anni, Sean Connery ci ha lasciato e tutti conosciamo i meravigliosi capolavori ai quali ha prestato il suo volto e la sua bravura. Non tutti però conoscono alcuni retroscena accaduti nel corso della sua vita. Uno di questi riguarda il film ‘Zardoz’ del 1974, un fantascientifico per il quale l’attore scozzese s’infuriò. Infatti al termine della registrazione di una scena complicata la pellicola si rovinò e dovettero rigirare tutto. L’attore se la prese con il ciacchista, voleva ammazzarlo per quanto era furioso. Mentre un altro incredibile retroscena riguarda uno dei film che lo ha reso più celebre, ovvero 007. Infatti si crede che vista la calvizie precoce dell’artista, quando interpretò James Bond indossò un parrucchino, cosa però mai confermata.

Sean Connery e le curiosità legate all’Italia: dalla cessione di Gattuso al sogno di lavorare con Troisi

Sean Connery (Immagine da Instagram)

Un attore poliedrico Sean Connery, di cui non tutti conosciamo alcuni retroscena sulla incredibile vita. Uno di questi riguarda Gennaro Gattuso ed i Rangers. Infatti l’attore scozzese fu proprietario della squadra protestante di Glasgow e stravedeva per il centrocampista allora giovanissimo, tanto da opporsi alla sua cessione alla Salernitana. A questa decisione l’attuale allenatore del Napoli commentò con un sonoro: “Dite a Connery di farsi i ‘ca..i’ suoi”. Molto legato all’Italia l’attore scozzese, soprattutto al grandissimo Massimo Troisi. Infatti, quando vide il film ‘Il Postino’, grande capolavoro del 1994, disse che era il film più bello che avesse mai visto. Inoltre, nei sogni dello scozzese c’era anche poter collaborare proprio con Troisi, che stimava immensamente. Questa sarebbe stata un unione artistica che sicuramente avrebbe regalato al popolo italiano e mondiale l’ennesimo capolavoro.