Covid, l’esperto annuncia: “In 3-4 settimane cambia tutto!”. E sul Natale…

Il Covid-19 sembra essere finalmente arrivato a un punto di svolta in Italia, in prossimità del Natale. Di seguito le ultime novità riportate nelle ultime ore da un noto esperto

Conte (getty images)
Conte (getty images)

Il nuovo Coronavirus non sta risparmiando in nostro Paese. La seconda ondata sta colpendo con grande forza l’Italia e causando un gran numero di vittime nelle ultime settimane. Dopo un’estate che ha concesso maggiore libertà, l’autunno ha riportato un nuovo netto aumento di casi e stavolta sono state diverse le regioni a patire maggiormente la forte circolazione del Covid. Il Governo è intervenuto, istituendo zone rosse e arancioni, in modo da tentare di arginare i contagi e evitare il collasso dell’intero sistema sanitario.

Dopo diverse settimane drammatiche nelle strutture ospedaliere e anche a livello socio-economico, la corsa del Covid-19 sembra arrivata a un punto di svolta. Gli esperti stanno notando, infatti, un appiattimento della curva dei contagi che lascia ben sperare per il prossimo futuro. Franco Locatelli, Presidente del Consiglio superiore di sanità, ha fatto il punto della situazione a riguardo.

LEGGI ANCHE >>> Il Covid abbatte le tredicesime: 3 miliardi in meno, chi sarà colpito

Covid e Natale, Locatelli annuncia un possibile allentamento delle misure

Locatelli
Locatelli

Franco Locatelli, ai microfoni de “La Stampa”, si sofferma sulla situazione attuale: “Differenziare le misure regionalmente in base ai livelli di rischio ha funzionato. Se trascorreremo in modo assolutamente responsabile le festività, in tre o quattro settimane potremmo scendere a 6-7 mila casi al giorno. Questo è un numero che consente di fare contact tracing e ciò permette di impedire la propagazione incontrollata del virus. Si passerebbe dunque da una fase di contenimento a una di mitigazione”. Locatelli parla anche delle prossime feste: “Bisognerà trascorrerle con gli affetti più cari in un numero assolutamente limitato di persone. Lo dobbiamo a noi stessi, allenostre persone care e alla memoria di chi non c’è più”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute del 28 Novembre 2020