Calcio, prima volta storica: la donna nella partita della Juventus

Una svolta storica avverrà nella partita di mercoledì in Champions League. Scopriamo le ultime novità che riguardano la Juventus e di cosa si tratta

Stephanie Frappart (getty images)
Stephanie Frappart (getty images)

La Juventus di Andrea Pirlo ha iniziato la stagione tra alti e bassi. L’ultimo pareggio contro il Benevento sembra aver lasciato il segno in casa bianconera e alcuni parlano addirittura di un esonero prematuro per il tecnico. La squadra di Torino resta comunque in piena corsa in campionato per lo Scudetto e il percorso nella massima vittoria europea è positivo. Blindata, infatti, la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League, nonostante la pesante sconfitta casalinga contro il Barcellona che con ogni probabilità ha messo a forte rischio il primo posto nel girone.

La partita di mercoledì 2 dicembre contro la Dinamo Kiev non avrà, dunque, un valore primario sotto il profilo del risultato, ma segnerà in ogni caso una svolta storica per il calcio moderno. Nella giornata di oggi è arrivata, infatti, una designazione decisamente speciale in vista della partita di Champions League. Di seguito tutti i dettagli e le ultime novità.

LEGGI ANCHE >>> Altro grande lutto nel mondo del calcio: addio a Papa Bouba Diop

Calcio, in arrivo la svolta storia in Juventus-Dinamo Kiev

Stephanie Frappart (getty images)
Stephanie Frappart (getty images)

Stephanie Frappart, questo il nome della prima donna arbitro chiamata a condurre una partita di Champions League. Si tratta di una 37enne francese che si sta facendo conoscere per le sue grandi qualità in campo nazionale e internazionale. E’ stata, infatti,  la prima donna ad arbitrare anche nell’ambito del campionato francese. E’ stata designata anche per la finale di Supercoppa europea nel 2019 e ha già esordito anche in Europa League. Una carriera che, dunque, sta spiccando il volo eliminando tutti i tabù da cui da decenni è accusato il mondo del calcio. La svolta in Juve-Dinamo Kiev è ormai alle porte.